• Cresce il VOIP, "diminuisce" la sicurezza

    Con il termine VOIP (Voice Over IP) si intende una tecnologia che rende possibile una chiamata telefonica sfruttando una connessione internet o comunque una rete dedicata che utilizza il protocollo internet (IP appunto).

    Se da un lato possiamo individuare differenti vantaggi, dall’altro la tecnologia solleva non pochi dubbi.

    Il VOIP permette (rispetto alla telefonia tradizionale) di :

    • Spendere meno per ogni chiamata, specie per quelle intercontinentali o sulla lunga distanza
    • Abbassare i costi per le infrastrutture: è sufficiente solo una rete IP
    • Introdurre funzionalità avanzate
    • Implementare nuovi servizi.

    (more…)

    Tags:

    • I produttori di antivirus discutono sull'efficacia dei test di valutazione

      Tra le aziende produttrici di software per la sicurezza e la protezione e coloro che effettuano “prove sul campo”, scorre (generalmente) buon sangue. Occasionalmente può però accadere che i rapporti si incrinino.

      In occasione dell’International Antivirus Testing Workshop che si è tenuto il mese scorso a Reykjavik, in Islanda, alcuni rappresentanti di Symantec, F-Secure e PandaSoftware si sono accordati per definire un piano di testing che possa meglio riflettere le reali potenzialità di ogni antivirus. La speranza è quella di costituire un nuovo “modus operandi” che venga universalmente accettato da tutte le case di produzione.

      Una primissima bozza del nuovo modo di procedere (stando alle dichiarazioni di Mark Kennedy, uno degli ingegneri Symantec) dovrebbe essere rilasciata entro il mese di Settembre.

      Toralv Dirron, esperto di sicurezza della McAfee ha messo in evidenza come nel corso degli ultimi anni le tecniche di rilevamento di software dannoso si siano notevolmente modificate.

      Analizzare l’efficacia di un software antimalware secondo la vecchia e tradizionale maniera (quella di inserire nel PC una serie di malware per osservare la reazione dell’antivirus) potrebbe non risultare più così efficace come un tempo.

      (more…)

      • MySpace diffonde malware

        MySpace, il più grande sito di social networking in rete, è diventato un ottimo mezzo per la diffusione di codici maligni. Nella maggior parte dei casi, sono gli utenti a usare questo sito per diffondere i loro malware; altre volte, invece, si tratta di cracker che modificano le pagine web di MySpace sfruttandone le vulnerabilità.

        Questa situazione scaturisce dal fatto che i cracker vogliono una diffusione dei loro virus in larga scala e per questo usano i siti web più visitati per diffonderli.

        La maggior parte dei codici diffusi su MySpace sono Trojan che utilizzano tecniche di rootkit per rendere difficile la loro rilevazione alle scansioni degli antivirus. Inoltre, risultano essere molto pericolosi in quanto molti di essi servono a prelevare informazioni personali come password e parole d’accesso.

        (more…)

        Tags:

        • Google decide quello che puoi o non puoi vedere

          L’articolo originale è apparso sul blog ufficiale di uno dei ricercatori di Kaspersky, il quale ha studiato il caso dei “blocchi” dei risultati di una ricerca nei quali sono incappati diversi utenti.

          Google, blocca la possibilità di fare ricerche semplicemente perché il computer è considerato infettato da malware e spyware.

          Non è comunque finita qui: l’IP dello sfortunato utente viene inserito in una blacklist temporanea e sbloccato solo dopo la digitazione di un codice apposito (secondo il classico metodo CAPTCHA).

          Il ricercatore della nota ditta di sicurezza informatica sarebbe riuscito a ricreare il comportamento che genera il blocco, trovando come possibile spiegazione un meccanismo automatizzato di protezione contro gli spammer che utilizzerebbero Google per reperire indirizzi mail e ai SEO che spesso fanno ricerche continue per verificare le posizioni dei siti nelle SERP.

          (more…)

          • Active Virus Shield: protezione per tutti, a costo zero

            active-virus-shield.png

            L’ombrellino del logo è verde anzichè rosso e non so a voi, ma a me, ha ricordato immediatamente Antivir.

            Di cose in comune i due sembrano non avere solo il logo: Active Virus Shield è un valido antivirus gratuito leggero e funzionale in grado di proteggere egregiamente il vostro sistema operativo.

            Il prodotto per la protezione nasce da una collaborazione tra AOL (America On Line) società celeberrima in America per i servizi che offre, e Kaspersky l’azienda russa leader nel settore degli antivirus.

            Una collaborazione fruttuosa che (appunto) ha portato alla creazione di questo interessante software.

            (more…)