• Un keylogger nei portatili Samsung serie R

    SamsungR525

    Samsung nell’occhio del ciclone per un presunto keylogger in grado di monitorare le attività degli utenti, chiaramente senza il loro consenso, che si troverebbe preinstallato in fabbrica su alcuni portatili del gruppo.

    L’indagine in corso su Samsung è condotta da Mohamed Hassan, che ha individuato la presenza di un software non desiderato e non meglio identificato su due portatili della serie R del produttore coreano acquistati di recente: Samsung R525 e R540.

    I due notebook sono stati “passati al setaccio” subito dopo l’acquisto dall’antivirus di Hassan, e sarebbe emersa la presenza di un software chiamato “StartLogger” in grado di registrare la sequenza dei tasti premuti dagli utenti comprese user e password, ma anche di salvare immagini del desktop e di inviare email ad un apposito indirizzo con cadenza regolare.

    Il keylogger invierebbe così dati riservati a Samsung e sarebbe inserito in una cartella localizzata nella directory “CWindowsSL“. La sua presenza è stata inizialmente negata da Samsung per mezzo del servizio clienti a cui Hassan si era rivolto, mentre in un secondo tempo la responsabilità è stata scaricata su Microsoft, lasciando intendere che il software potesse far parte delle distribuzioni di Windows installate.

    Infine, un’ultima versione dei fatti vede Samsung ammettere le proprie responsabilità: StartLogger sarebbe stato installato in numerosi PC portatili da Samsung per monitorare funzionamento e prestazioni, ma non è un software prodotto e gestito direttamente dal costruttore asiatico.
    In aggiunta, i vertici dell’azienda hanno avviato un’indagine interna per far luce sulla questione e difendersi dalle accuse, anche perché la spiegazione ufficiale legata al monitoraggio delle prestazioni non sembra aver convinto il pubblico.

    Si attendono altri dettagli ufficiali, ma secondo alcune indiscrezioni potrebbe trattarsi di un falso positivo più che di una vera e propria minaccia. In altre parole, il rilevamento di StartLogger come software pericoloso sarebbe solo un errore da parte del software utilizzato da Hassan (l’antivirus GFI VIPRE) per effettuare la scansione del computer, il quale avrebbe scambiato la directory creata da una delle applicazioni della suite Windows Live per uno spyware.

    Novità che, se confermata, scagionerebbe in pieno Samsung, anche se rimangono i dubbi riguardo le diverse versioni fin qui fornite dal costruttore, che aveva prima negato e poi ammesso la sua responsabilità nell’installazione del software.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Un keylogger nei portatili Samsung serie R inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Ricky dice:

      infatti è un falso positivo…

    2. Surfer HL dice:

      E Ricky…ma verificare prima di pubblicare costa fatica e tempo: e se il resto del mondo nel frattempo pubblica una cavolata prima di te potresti perdere il treno delle pecore…:-)

      E alle pecore mica piace questo….

      SHL

    3. Giuseppe Cutrone dice:

      Vero che prima di scrivere e pubblicare le cose vanno verificate, però è altrettanto vero che prima di parlare, criticare e offendere si leggessero le notizie integralmente.

      Che si è trattato di un falso antivirus mi pare che sia stato scritto, quindi non vedo cosa altro si doveva verificare, dato che abbiamo semplicemente riportato una notizia nel suo complesso, raccontando tutto lo svolgimento di questo equivoco precisando anche quale antivirus ha commesso l’errore.

      Le pecore, si sa, sono brave nell’accordarsi, ma a quanto pare questa non è prerogativa esclusiva di chi scrive, dato che a volte anche chi legge (ammesso che legga veramente tutta la news e non solo il titolo) ne imita tale comportamento.

    4. Surfer HL dice:

      @ Giusepppe

      punto sul vivo evidentemente…: nessuno men che meno il sottoscritto voleva offendere o l’emoticon rimaneva a casa invece di fare capolino (chi è che non legge?) – ho solo fatto notare (e mi pare di essere in buona compagnia) che qui semplicemente prima si “spara la notizia” senza verificarla e dopo se qualcuno simpaticamente fa notare l’ipocrisia del sistema adottato ci si inalbera (o ‘indigna’ se preferisci questo termine che va tanto di moda) invece di avere gli attributi per ammetterlo senza tanti giri di parole.

      Inutile aggiungere altro: ti sei risposto da solo…

      SHL

    5. Giuseppe Cutrone dice:

      Se si dà delle “pecore” a chi scrive mi pare ovvio che ci si possa sentire “punti sul vivo”, tu non ti saersti risentito? Ne dubito.

      Comunque a me non interessa fare la polemica e personalmente accetto sempre le critiche quando sono sensate e costruttive e non sono “sparate” tanto per il gusto di dare addosso. In questa occasione invece mi sa tanto che la voglia sia semplicemente quella di criticare per il gusto di farlo, dato che ancora insisti con la necessità di verificare la notizia. Mi pare che nel post ci sia scritto chiaramente che le ultime notizie arrivate parlavano di un falso positivo. Che cosa avrei dovuto verificare ancora? Ho forse omesso qualcosa o mi sono attenuto ai fatti per come si sono succeduti in ordine di tempo? Le risposte a queste due domande le trovi leggendo il post, ma se tu hai altri dettagli che io ho omesso nello “sparare la notizia” scrivili pure qui nei commenti, sarò lieto di ammettere di aver scritto fesserie e di aver seguito “l’ipocrisia del sistema”.

      Quanto all’emoticon… se ci dai delle pecore e ci metti anche la faccina sorridente io la interpreto come una faccina che ride per prendere in giro, non per stemperare o rendere più dolce quanto si era detto qualche sillaba prima: da qui la mia risposta che tu definisci “indignata” ma che io penso sia solo “risentita” per quello che giudico una critica gratuita.

      Comunque per me il discorso si chiude qui, ho spiegato le mie ragioni e poco mi interessa dibattere con gente sempre pronta a criticare solo per partito preso. Se a te piace divertiti così fallo pure, lo spazio per i commenti è sempre a disposizione e non sarò certo io a toglierti questo piacere.

    6. Surfer HL dice:

      @ Giuseppe

      Su questo non posso che darti ragione: questione che si chiude qui adesso – il tono di superiorità che si legge nelle tue risposte la dice lunga su quale metro utilizzi per interpretare i commenti non allineati (interpretabile anche questo, come tutto del resto, non credi?) e rende inutile proseguire la discussione (…c’è troppo vento)

      Buona Domenica

      SHL

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *