• D.lgs 196/2003 e privacy: da obbligo a risorsa di business

    Protezione datiNel corso degli ultimi anni, alla mia consueta attività  di capo progetto si è affiancato il compito di indicare le modalità  attuative di quanto previsto dalla normativa di legge in tema di trattamento dei dati (d.lgs 196/2003) in ambito IT, per aziende e P.A.

    A parte la desolazione nel verificare l’utilizzo spesso empirico degli strumenti informatici ed una totale misconoscenza delle potenzialità  a portata di mano, credo sia importante notare come questo strumento legale possa rappresentare un punto di partenza per mettere ordine nell’approccio informatico delle piccole imprese.

    La normativa prevede tutta una serie di obblighi relativi alla modalità  di gestione dei dati, personali e talvolta sensibili, di coloro che entrano in contatto con l’azienda, siano essi clienti, fornitori o risorse interne.

    Questi obblighi, in verità  molto laschi, ci si aspetta vengano già  abbondantemente e sistematicamente applicati dalle aziende che utilizzano quotidianamente sistemi informatizzati.

    Di fatto, ci si scontra con una realtà  che spesso è ben diversa:

    • password note a tutti,
    • accesso indiscriminato a tutte le informazioni,
    • mancanza di backup,
    • totale assenza di controllo,
    • carenza di procedure codificate.

    Tutto questo si ripercuote sulle modalità  operative delle differenti aree che costituiscono le imprese, abbattendone le potenzialità  e fiaccandone la competitività .
    Al di là  dell’adozione di meccanismi di backup o di una applicazione formale di quanto richiesto dalla normativa è innegabile che il sotto utilizzo dei sistemi informativi risulti dannoso, ancora più oggi, che viviamo un momento di economia non esattamente florida.

    Compito tutt’altro che ingrato, in quanto permette di disporre di punti di contatto con nuovi clienti o di ampliare l’offerta verso clienti consolidati, è quello di presentare questa normativa imposta non come un aggravio della attività  aziendale quotidiana ma come un’opportunità  di miglioramento nella gestione dei sistemi informativi, di conseguente ottimizzazione – ad esempio nel reperimento dei dati – e, in generale, delle attività  aziendali.

    In definitiva, la strategia vincente sarebbe quella indirizzata a far percepire la “consulenza” come un servizio, esattamente come la realizzazione di un sistema di fatturazione o del web-site aziendale, ben sapendo che il valore può e deve essere di gran lunga superiore.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su D.lgs 196/2003 e privacy: da obbligo a risorsa di business inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *