• Cartelli aziendali? Obbligatorio versare la tassa sulla pubblicità 

    Cartelli aziendali? Obbligatorio versare la tassa sulla pubblicità I cartelli che indicano l’itinerario per giungere alla sede di uno stabilimento, impresa o esercizio commerciale sono tassabili? La risposta è positiva, almeno secondo quanto deciso dalla sentenza della Corte di Cassazione del 4 novembre 2009 n. 23383.

    La pronuncia nasce a seguito del ricorso depositato da una società  nei confronti di diversi avvisi di accertamento emessi da un Comune piemontese; l’Amministrazione locale, infatti, contestava all’azienda il mancato pagamento dell’imposta comunale sulla pubblicità , in relazione ad alcuni cartelli collocati sulla strada e indicanti il percorso da seguire per giungere alla sua sede.

    La società  si difendeva, sostenendo che tale cartellonistica non avevano alcuna finalità  pubblicitaria bensì di agevolare il traffico degli autoveicoli.

    In primo grado la CTP confermava la legittimità  degli avvisi; osservava il Giudice di prime cure che nei segnali in oggetto era evidente la funzione promozionale, poichè i cartelli non si limitavano a contenere indicazioni stradali, ma specificavano l’oggetto dell’attività  svolta e il prodotto commercializzato.

    La sentenza veniva confermata in appello.
    Proposto ricorso in Cassazione, la Suprema Corte enunciava il principio di diritto per il quale ai cartelli indicanti l’itinerario per raggiungere la sede di stabilimenti, ditte, imprese e esercizi commerciali si deve applicare l’imposta comunale sulla pubblicità  se questi contengono l’indicazione dell’oggetto dell’attività  svolta nonchè il prodotto e servizio commercializzato; in questi casi, infatti, è chiara la finalità  promozionale del prodotto o dell’attività  svolta dall’impresa.

    Tali segnali, dunque, rientrano nella previsione di cui all’articolo 5 del d.lgs 507/1993, per il quale la diffusione di messaggi pubblicitari effettuata attraverso forme di comunicazione visive o acustiche, diverse da quelle assoggettate al diritto sulle pubbliche affissioni, in luoghi pubblici o aperti al pubblico, è soggetta all’imposta sulla pubblicità , considerandosi rilevanti i messaggi diffusi allo scopo di promuovere la domanda di beni o servizi, ovvero finalizzati a migliorare l’immagine del soggetto pubblicizzato.

    D’altronde, ha fatto notare la Suprema corte, sulla società  non gravava alcun obbligo di predisporre segnalazioni stradali al fine di faciliatare il raggiungimento della propria sede.

    Facendolo, e sostenendo tra l’altro dei costi, facilita l’incontro con i potenziali clienti, promuovendo in modo efficiente la domanda dei propri beni o servizi.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Cartelli aziendali? Obbligatorio versare la tassa sulla pubblicità  inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *