• Android: due applicazioni su tre sono sospette

    Il 66% circa delle applicazioni distribuite attraverso la piattaforma Android Market è potenzialmente in grado di mettere a repentaglio la sicurezza degli utenti, o meglio, dei loro dati personali. È questo il poco rassicurante risultato di un’analisi condotta dalla Duke University in collaborazione con Intel Labs, su un campione di 30 software tra i più popolari realizzati per il sistema operativo mobile di Google.

    Nel dettaglio, sono state prese in esame le applicazioni che richiedono l’accesso a informazioni come la geolocalizzazione, il più delle volte con lo scopo di utilizzarle senza informarne preventivamente gli utenti. L’obiettivo principale, in questo caso, è la visualizzazione di messaggi pubblicitari mirati. A volte, spiegano i ricercatori, ci si è imbattuti in software che inviano dati verso server o servizi esterni addirittura ogni 30 secondi.

    Se è vero che al momento dell’installazione gli sviluppatori mostrano l’elenco degli ambiti nei quali l’applicazione andrà ad agire, questo non significa che debbano essere autorizzati a farlo in modo indiscriminato e senza informarne preventivamente gli utenti. La replica in merito di un portavoce Google, in verità, non è delle più convincenti:

    Ognuno dovrebbe installare solo gli applicativi di cui si fida e, comunque, quando lo si desidera è possibile ricorrere a una semplice e immediata rimozione del software.

    Purtroppo, il team di ricerca ha preferito non rendere pubblico l’elenco delle applicazioni incriminate, limitandosi ad avvisare la community Android sui possibili rischi connessi a un utilizzo poco attento dei propri dispositivi.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Android: due applicazioni su tre sono sospette inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Claudio dice:

      Strano comunque che ci sia di mezzo Intel in questa ricerca…..e strano che Intel abbia un certo interesse nel sostenere questo genere di cose visto che insieme a Nokia andrà all’attacco di Android con MeeGo! Comunque sia in questa notizia fondamentalmente c’è del vero purtroppo, anche se la percentuale mi sembra molto alta.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *