• Gmail introduce una notifica per segnalare attività sospette

    gmail.jpg

    Google ha introdotto un aggiornamento in Gmail per aumentarne la sicurezza. Si tratta di una notifica che viene proposta all’utente nel caso in cui gli ultimi accessi alla casella email fossero sospetti.

    Nel momento in cui vengano rilevati accessi con IP diversi o appartenenti a luoghi molto distanti tra di loro, sarà mostrato un resoconto degli ultimi login, incluso il tipo di accesso (browser, cellulare, client di posta), l’ora e la data.

    In realtà informazioni simili venivano già mostrate in passato in fondo alla pagina, ma spesso l’utente non le notava, o più comunemente le trascurava di proposito: adesso, secondo Will Cathcart, un product manager di Google, questo non accadrà più, e di conseguenza l’uso di Gmail come account di posta sarà ancora più sicuro.

    Sessioni attive su GMail

    Il controllo delle attività illecite non si limita a segnalare gli IP usati in fase di login e la località geografica degli stessi, ma saranno fatti anche controlli sugli indirizzi che usano più account contemporaneamente, o che cambiano le password più di frequente: tali attività, infatti, sono tipiche dei password stealer, e di conseguenza vanno monitorate con maggiore frequenza.

    L’utente, cliccando sul link “Dettagli”, potrà vedere altre informazioni sugli ultimi accessi, così da assicurarsi che siano leciti, oppure in caso contrario porre i dovuti rimedi: per ora questa funzionalità potrà essere usata solo dai browser Firefox e Internet Explorer, come indicato nel blog di Gmail.

    Rimane da chiedersi se questa funzione sarà realmente apprezzata dalle persone che accedono consciamente con più modalità e da luoghi differenti.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Gmail introduce una notifica per segnalare attività sospette inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Nazareno dice:

      Uhm, molto interessante. Ma se un utente leggittimo usa un proxy per la navigazione (pseudo)anonima quale tor per effettuare il login su Gmail… quanti falsi positivi vengono generati? Staremo a vedere…

    2. Lu dice:

      Ho sempre apprezzato questa funzione, c’è da dire però, che per migliorare il servizio, google potrebbe fornire qualche dato in più oltre all’indirizzo ip (broswer, O.S), insomma qualche dettaglio più comodo per i meno smaliziati.. non tutti sanno cosa è un indirizzo ip, soprattutto non se ne curano..

    3. La prima cosa che mi viene in mente è un whois basato sugli indirizzi IP memorizzati da Google: così facendo si vede subito da quale parte del mondo è stato effettuato l’accesso

    4. Matteo Ratini dice:

      Per TOR la questione si fa davvero interessante! In quel caso di IP differenti se ne avrebbero davvero molti, e completamente scorrelati tra loro. Quasi sicuramente dovranno inventarsi qualcosa per consentire ai singoli utenti di disattivare questa nuova funzionalità…

    5. Lu dice:

      Comunque ottima funzione.. ma è da un po’ già che c’è….

    6. @ Lu: riguardo il tuo ultimo commento è importante osservare che come da te giustamente segnalato, e come scritto chiaramente nell’articolo, l’introduzione della funzione sulla quale si appoggia quest’ultima risale a luglio del 2008.
      Però solo recentemente (24 marzo 2010) è stato inserito su Gmail l’ulteriore Alert segnalato nell’articolo: il topic ufficiale scritto da Pavni Diwanji è disponibile direttamente nel blog ufficiale di Gmail ( http://gmailblog.blogspot.com/2010/03/detecting-suspicious-account-activity.html ).

    7. Velia Leporati dice:

      Ho scoperto che uno dei contatti di mio padre gli ha chiesto soldi inventando una storia strappalacrime: in seguito ad una veloce ricerca per immagini ho scoperto che alla foto del profilo di questa sedicente “Rose Coubert corrispondono ben 126 risultati..molti dei quali, se non tutti, sono altrettanti profili creati su Google con la stessa foto ma nomi diversi..che fare?Io non posso denunciare al posto di mio padre ma vorrei rendere nota questa cosa affinchè tutti quelli che hanno questa donna(???) fra i propri contatti stiano in guardia.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *