• Pagamenti tra imprese: attenzione agli accordi

    PagamentiI contratti conclusi tra le imprese dal 2013 devono prevedere tempi certi per il saldo delle fatture. La normativa prevede una tempistica fissata a 30 giorni dalla data di emissione della fattura 0 60 giorni in caso di limitate eccezioni. La normativa corrente (Dlgs 192/2012) lascia alle parti autonomia decisionale nel concordare tempi superiori ma con determinate regole. Non è infatti possibile siglare patti o accordi che prevedano tempi particolarmente lunghi.

    => Pagamento fatture: Ritardo per 3 imprese su 5

    Pertanto attenzione: un eventuale accordo tra acquirente e venditore può rappresentare una palese violazione della normativa. L’accordo deve sempre risultare per iscritto e deve prevedere termini di pagamento che non siano particolarmente iniqui per il creditore. La non osservanza di tali disposizioni rappresenta una violazione normativa.

    => Fatture insolute: il modello di sollecito

    In caso di mancato pagamento della fattura entro i termini previsti dalla normativa occorre provvedere all’applicazione degli interessi di mora nella misura del tasso di riferimento della BCE aumentato di almeno 8 punti. Il debitore dovrà, inoltre, rimborsare tutti i costi aggiuntivi, per un valore minimo di 40 euro, sostenuti per far valere il proprio credito. L’autorità finanziaria ha il termine massimo di 90 giorni per emettere il decreto ingiuntivo.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Pagamenti tra imprese: attenzione agli accordi inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *