• Manovra finanziaria: pene più severe per false fatturazioni

    Manovra finanziaria: pene più severe per false fatturazioniLa revisione della manovra finanziaria bis, recentemente approvata dal Governo, ha eliminato le disposizioni del comma 3 degli articoli 2 e 8 del dlgs n.74/2000, che introducevano la fattispecie di “reato minore” in caso di fatture false per un importo minore di 154.937 euro, con una reclusione che andava da sei mesi a due anni.
    Conseguenza di questa decisione è che chiunque – “ai fini di evasione fiscale” – emetta fatture per operazioni inesistenti rischierà, qualunque sia l’importo, da un anno e mezzo fino a sei anni di carcere.

    Un vero e proprio pugno di ferro nei confronti degli indebiti risparmi d’imposta.

    E’ bene ricordare che per “fatture o documenti per operazioni inesistenti” si intendono non solo quelli emessi per operazioni che nella realtà  non avvengono – o avvengono con un importo minore di quello reale – ma anche quelli che riferiscono l’operazione “a soggetti diversi da quelli effettivi“.

    Perchè l’azione si possa configurare come reato non è comunque sufficiente la “mera utilizzazione” di fatture o documenti per operazioni inesistenti, ma vi dovrà  essere indicazione di queste nella dichiarazione dei redditi.
    Inoltre, il reato in esame, secondo quanto specificato dalla legge, non è punibile a titolo di tentativo né a titolo di concorso.
    E’ necessario, infine, che vi sia il dolo specifico dell’evasione: nel caso in cui la documentazione fittizia sia confezionata per altre ragioni, cade l’ipotesi di reato per evasione fiscale.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Manovra finanziaria: pene più severe per false fatturazioni inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *