• Quanti giorni lavorativi ci sono in un mese? Calcoliamoli con Excel

    Talvolta può essere utile trarre dei dati da una sequenza temporale, come ad esempio i giorni di un mese. Microsoft Excel 2007 propone una serie di operazioni che è possibile compiere su una sequenza di date e le raccoglie in un’apposita sezione della scheda Formule, cui si accede dal pulsante Data e ora.

    Creiamo per prima cosa una sequenza temporale: posizioniamo il mouse nella cella A1 e inseriamo la prima data, ad esempio 01/04/2008; Excel la riconoscerà come tale e noi possiamo inserire nelle celle sottostanti tutti gli altri giorni del mese di Aprile, selezionando la prima cella e trascinandola dal vertice in basso a destra della cella stessa.

    Una volta completato il mese, se continuiamo nel trascinamento, Excel inserirà i giorni di Maggio e così via.

    Se vogliamo sapere quanti giorni lavorativi ci sono nel mese, dobbiamo ricorrere ad una funzione semplicissima, in grado di calcolare non solo quanti Sabati e Domeniche ci sono nel mese di Aprile 2008, scelto per l’esempio, ma anche di sottrarre la festività che vorremo indicare.

    Così, ad esempio, possiamo calcolare i giorni lavorativi tenuto conto che il 25 Aprile è festa nazionale.

    Da Formule | Data e ore, selezioniamo Giorni.Lavorativi.Tot; nella finestra che si aprirà dovremo indicare la data iniziale del calcolo, selezionando la cella corrispondente (A1); la data finale (cella A30) e il giorno di festività aggiuntiva rispetto ai Sabati e alle Domeniche, che selezioneremo con il mouse dalla colonna di aprile (A25).

    Con l’Invio otterremo il risultato, mentre nella barra della formula è possibile leggere la sintassi dell’operazione:

    =GIORNI.LAVORATIVI.TOT(A1;A30;A25)

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Quanti giorni lavorativi ci sono in un mese? Calcoliamoli con Excel inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Me dice:

      La sequenza temporale non è indispensabile.
      E’ possibile inserire in una cella la data di inizio e in un’altra quella di fine.
      Per esempio A1 -> Inizio; A2 -> Fine; A4:A6 -> Vacanze
      B1 -> =GIORNI.LAVORATIVI.TOT(A1;A2;A4:A6)

      ;)

    2. CM dice:

      Due chiarimenti:

      1 – come fa a tener conto del patrono se non gli si indica il comune? (teniamo presente che il s.patrono in alcuni comuni non è affatto un giorno fisso dell’anno ma risponde a regole complesse come quella dell ss.Pasqua)

      2 – funziona anche con Excel inglese? come gli si dice la nazione?

    3. gianfranco dice:

      la funzione esclude sabati e domeniche.
      Come modificarla per escludere SOLO le domeniche?

    4. Francesco dice:

      non riesco a trovare la funzione:
      GIORNI.LAVORATIVI.TOT
      Come posso fare?

    5. mario rossi dice:

      gentilmente vorrei sapere come devo fare per calcolare quante domeniche ci sono in un periodo di tempo
      grazie

    6. ANNA dice:

      UTILISSIMO! GRAZIE.

    7. Marco dice:

      Ottima spiegazione.

      Come molti utenti sapranno, Excel permette di creare delle funzioni personalizzate.
      Io ho creato alcune nuove funzioni inerenti soprattutto alle operazioni con le date
      ed in particolar modo una riottimizzazione della funzione ” GiorniLavorativi”
      con il calcolo in automatico della data della Pasqua, delle festività,
      dei sabati e delle domeniche, compresi tra una data iniziale ed una finale.

      Le nuove funzioni sono liberamente scaricabili dalla mia pagina:
      http://www.marcosroom.it/Didatticando/Tra_I_Numeri/nuove_funzioni_excel_vba.aspx

      Ci sono anche dei video tutorial che spiegano in maniera dettagliata l’utilizzo delle nuove funzioni,
      il procedimento per creare nuove funzioni ed il procedimento per la modifica dei componenti aggiuntivi di Excel.

      Spero che questa mia funzione possa tornare utile e magari
      essere segnalata ai vostri lettori o amici

      Un saluto
      Marco studente 2° liceo

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *