• Come velocizzare OpenOffice

    openoff.jpg

    L’alternativa migliore al pacchetto Office di Microsoft è senza dubbio la suite gratuita Openoffice. Scaricabile gratuitamente dal sito e sotto licenza LGPL lo si trova anche pre-installato in molte distribuzioni Linux. Per tutti gli utilizzatori non è quindi una novità la lentezza in apertura e in alcune piccole funzioni.

    Ecco 5 trucchi per rendere l’intero pacchetto più performante.

    Dal menù Strumenti>Opzioni>Memoria principale cambiamo i seguenti parametri:

    • Annulla: numero operazioni = 30;
    • Cache grafica: uso di Openoffice.org = 128MB e memoria per oggetto = 20MB;
    • Cache per gli oggetti inseriti: numero di oggetti = 20;
    • Spostarsi nella sezione Java e deflaggare Usa un ambiente runtime Java.

    I miglioramenti in fase di apertura sono quasi impercettibili ma la performance sulle operazioni è assicurata fin da subito.

    Se vuoi aggiornamenti su Come velocizzare OpenOffice inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. emmebì dice:

      Ovviamente per un avvio (MOLTO) più veloce, abilitare il quick start da Strumenti>Opzioni>Memoria principale.

      Per Linux e Wincoz.

    2. Matteo Limardo dice:

      Si anche quella è una spunta molto utile da fare, non l’ho citata semplicemente perchè la davo un pò per scontata e soprattutto perchè le modifiche che ho sottolineato vanno ad incidere sul lavoro globale della suite e non solo sull’apertura.
      Comunque grazie mille per il suggerimento, con il tuo commento il post è più copleto.

    3. ziomaul dice:

      Se togli Java alcuni Plug non funzionano più e in alcuni casi è più lento.
      Conviene aggiornare Java alla ver.1.6

      Ciao

    4. Matteo Limardo dice:

      Per quanto riguarda Openoffice su MacOsX e Linux non si presenta nessun problema se la suite è aggiornata, per Windows bisogna assicurarsi che la versione di Java sia l’ultima altrimenti come dice Ziomaul potrebbero presentarsi dei problemi.

      Grazie Ziomaul

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *