• Balmer: Lunga vita a Windows XP… o forse no?

    microsoft xp service pack 3

    Stop alla vendita del sistema operativo e alla produzioni di pc con software preinstallato entro il 30 giugno 2008: questa doveva essere la data in cui Windows XP, con preoccupazione di molti utenti, sarebbe dovuto uscire di scena a giorni.

    Ebbene, nelle ultime ore si è concretizzata la notizia che Microsoft potrebbe “prolungarne la vita” se davvero gli utenti lo chiederanno a gran voce. L’annuncio viene direttamente dal numero uno Steve Balmer. Tuttavia, il CEO ha messo le mani avanti dichiarando che, al momento, non ci sarebbero sufficienti feedback in tal senso e che i prossimi mesi saranno decisivi per il destino di Xp.

    Una dichiarazione un po’ strana visto che di petizioni e rimostranze contro la “morte di Xp” se ne contano a centinaia.

    Per molti, far chiudere i battenti a XP è una scelta discutibile, in quanto – sopratutto in ambito lavorativo – è da sempre preferito rispetto al più recente Vista.
    I motivi sono semplici: quest’ultimo è molto più pesante di XP e richiede macchine più recenti (e spesso l’hardware negli uffici/piccole aziende è tutto tranne che recente). Inoltre, Vista presenterebbe ancora problemi di compatibilità  con molte vecchie periferiche, nonostante la distribuzione del Service Pack 1.

    Insomma, Windows XP è l’OS preferito ancora dalla maggioranza di utenti e, ormai, si è perso il conto di petizioni e iniziative atte a far cambiare idea a Microsoft, e a non far ritirare dal mercato questo prezioso sistema operativo.

    Certo, è palese la voglia del colosso di Redmond di spingere su Vista limitando XP. Come sappiamo, il nuovo sistema operativo Microsoft non è mai stato valutato troppo positivamente e molti sono tornati al precedente Xp.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Balmer: Lunga vita a Windows XP… o forse no? inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *