• Redditometro 2013: da marzo contribuenti sotto esame

    Agenzia delle EntrateDal prossimo mese di marzo dovremo fare i conti con la versione 2013 del Redditometro, lo strumento antievasione concepito da Attilio Befera, numero uno dell´Agenzia delle Entrate. A dire il vero i rapporti che i contribuenti hanno con il redditometro non è dei più idilliaci. Ma è bene conoscerlo a fondo affinché possa essere esorcizzata la paura di rimanere coinvolti in accertamenti fiscali.

    => Leggi come funziona il Redditometro

    Il funzionamento del redditometro è abbastanza semplice: lo stile di vita degli italiani verrà  analizzato incrociando le spese sostenute con i redditi disponibili. Una volta rilevati i consumi più comuni verranno messi a confronto con il reddito dichiarato da ciascun contribuente. In caso di elevato scostamento il contribuente sarà  chiamato dal fisco per giustificare i motivi del suo comportamento anomalo.

    Affinché possiamo difenderci dal redditometro, l´Agenzia delle Entrate nei mesi scorsi ha presentato il Redditest, un software che permette di verificare se le spese sostenute sono congrue rispetto alle entrate conseguite. Se il risultato del test ha dato luce verde il contribuente non avrà  nulla da temere mentre, in caso di luce rossa potrebbero esserci buone probabilità  che il contribuente venga sottoposto a un controllo da parte del fisco.

    => Leggi: simulazioni Redditest, ecco quando scatta il rosso

    Oltre al redditometro e al Redditest è importante conoscere anche Serpico, un software che, dopo aver ricevuto come dato di input il codice fiscale di un contribuente, restituisce una serie di record contenenti tutte le informazioni disponibili su quella persona. Le informazioni restituite saranno prelevate da 128 database differenti: catasto, motorizzazione, Inps, Inail, utenze e così via. Confrontando questi dati con quelli provenienti dal redditometro e con quelli presunti rilevati dall´Istat il fisco sarà  in grado di conoscere lo stila di vita di ciascun contribuente.

    => Leggi SER.P.I.CO. a caccia di evasori: le voci analizzate

    Quello che è importante comprendere è che il contribuente sarà  chiamato a giustificare il proprio comportamento non solo se spende più di quanto ha guadagnato ma anche se non spende a sufficienza. Ad esempio, se secondo l´Istat gli italiani spendono una determinata cifra per una specifica spesa, il contribuente che ha speso un importo talmente basso da rasentare l´anomalia sarà  chiamato a giustificare il proprio comportamento. Se non risulta essere convincente sarà  sottoposto ad accertamento fiscale vero e proprio.

    Se vuoi aggiornamenti su Redditometro 2013: da marzo contribuenti sotto esame inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *