• ISEE 2014: attenzione alla condizione economica

    Condizione economicaCambia faccia l’ISEE, il parametro economico che dal 1998 consente ai contribuenti l’accesso a numerosi servizi pubblici socio-sanitari (esenzioni o sconti su prestazioni quali asili nido, mense scolastiche, scuolabus, libri di testo, tasse universitarie e così via). Letteralmente “indicatore della situazione economica equivalente”, è una sorta di alter-ego della dichiarazione dei redditi, resa più severa dalla recente riforma (Riccometro) in nome di una maggiore equità  e di trasparenza. Perché fino ad oggi, a beneficiare dei servizi sociali garantiti dal Welfare sono stati anche tanti dei soliti furbetti, che hanno sfruttato le falle del vecchio indicatore economico.

    La riforma ISEE cambia il peso dei componenti che definiscono l´imponibile: il reddito, il patrimonio immobiliare e le rendite finanziarie.

    Reddito Irpef
    Introdotte detrazioni del 20% fino ad un massimo di 3.000 euro per il lavoro dipendente e 1.000 euro per la pensione. Entrano nel paniere anche il Tfr e i redditi esenti.

    Patrimonio immobiliare
    La base imponibile del patrimonio immobiliare sarà  costituita dalla rendita catastale aumentata del 60%. La rendita della prima casa sarà  conteggiata solo per due terzi.

    Rendite finanziarie
    Verranno sommati conti correnti, Titoli di Stato e altri investimenti. Per il rilascio dell´Isee si dovrà  dichiarare il saldo del proprio conto corrente.

    Se vuoi aggiornamenti su ISEE 2014: attenzione alla condizione economica inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *