• Un'altra tiratina d'orecchie, stavolta a Google Earth

    Di tanto in tanto qualcuno sente la necessità di esprimere giudizi di sicurezza e privacy nei confronti di un determinato software.

    È quello che è capitato questa volta a Google Earth, che già in passato aveva subito critiche a causa della sua forte innovazione che offriva in modalità gratuita a tutti.

    In questo caso siamo a Washington e chi parla è il capo della Air Force intelligence americana:

    In questo momento i sistemi informatici mettono a disposizione dei programmi basati sulle rilevazioni satellitari, come ad esempio Google Earth, che permettono a chiunque di osservare tutta la superficie terrestre semplicemente restando dietro al monitor di un pc.

    E aggiunge:

    Qualsiasi utente può vedere ogni cosa con un livello di dettaglio massimo, fino ad arrivare al manto stradale e ad intuire i materiali delle costruzioni.

    Siamo alle solite, Google Earth è la classica applicazione che raccoglie una moltitudine di consensi perché si capisce subito di quanta studio e sforzi siano stati necessari per costruirla. Si nota anche quanto l’applicazione sia potente ed utile per viaggiare nel mondo in modo virtuale. D’altra parte, con la stessa facilità si capisce che questi strumenti, come molti altri, potrebbero essere utilizzati per altri scopi, non sempre apprezzabili e positivi.

    Chiaramente la preoccupazione del capo dell’Air Force intelligence deriva proprio da questo secondo fattore ma, aggiunge, siamo arrivati ad un punto di non ritorno ed è impossibile ormai nascondere una tale mole di informazioni.

    In ogni caso alla domanda “ma avete mai fatto tentativi per rendere riservate delle immagini da satellite e quindi non disponibili al mondo esterno?” ha preferito glissare senza aggiungere troppi commenti.

    Se vuoi aggiornamenti su Un'altra tiratina d'orecchie, stavolta a Google Earth inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *