• Canone RAI in bolletta elettrica per tutti

    Canone Rai

    Il Canone RAI si pagherà quasi certamente con la bolletta energetica e non riguarderà le seconde case. Probabilmente non si farà in tempo ad agire attraverso un emendamento alla legge di stabilità in Senato – come aveva anticipato il sottosegretario allo Sviluppo Economico, Antonello Giacomelli, ai microfoni di Radio 24 – ma per la rivoluzione del finanziamento della TV di Stato è solo questione di tempo.

    => Canone RAI in bolletta elettrica: anticipazioni del Governo

    Il nuovo canone, spalmato per tutti all’interno della bolletta della luce, non sarà dunque più aggirabile e avrà un costo medio di 60-65 euro. La scelta di una riforma per il Canone RAI è stata compiuta per abbattere l’ingente evasione che grava su questa tassa, quantificata attorno ai 600 milioni di euro. Pagando tutti, sarà possibile abbassare il costo attuale (113,50 euro).  Inoltre, con questa scelta, il Governo vuole modernizzare la tassa sul possesso del televisore, oggi anacronistica in quanto a ricevere il segnale TV sono anche terminali smartphone, tablet e pc: legare il canone a questi dispositivi comporterebbe tuttavia ulteriori complicazioni con il risultato che nulla sarebbe cambiato: ecco perché il Governo ha puntato sull’elemento che li accomuna tutti, l’elettricità. Dunque, se non da gennaio ma comunque nel corso del 2015,  tutti coloro che hanno attivato un contratto di fornitura elettrica pagheranno il Canone RAI.

    Buone notizie, se non altro, per i possessori di una seconda casa. Il Governo non sarebbe intenzionato a far pagare un doppio o triplo canone. Si cercherà solamente di introdurre qualche punto di equità magari adattando il Canone RAI ai valori dichiarati sull’IRPEF, anche se questa strada viene bollata da Antonello Giacomelli come farraginosa.

    Ad imporre rapidamente il nuovo criterio di pagamento per il canone TV potrebbe essere a questo punto anche un decreto legge, considerato che sul tavolo c’è anche la riforma della governance RAI.

    => Canone RAI: pronto decreto di riforma

    Da sottolineare che la riforma del Canone RAI non comporterà nessun costo aggiuntivo per le aziende elettriche in quanto le spese di gestione dei software non saranno a carico loro.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Canone RAI in bolletta elettrica per tutti inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Rosanna dice:

      Al Sig. Antonello Giacomelli
      È UNA INGIUSTIZIA NON SI PUÒ APPLICARE UNA IMPOSTA SE NON SI HA IL TELEVISORE PERTANTO SE ARRIVERÀ DA PAGARE IN BOLLETTA ENEL MI RIFIUTO DI PAGARE.MANDI LA GUARDIA DI FINANZA A CONTROLLARE E IN CONSEGUENZA SI PROVVEDA ALL”ESONERO.
      BASTA PAGARE PER I FURBI.

    2. carmine dice:

      Oltre che ad essere una ingiustizia far pagare a chi magari la tv non ce l’ha, pochi tra l’altro, ma comunque sempre ingiustizia e’. La mia preoccupazione e’ per le piccole attivita’, le cosiddette utenze non domestiche quanto sara’ l’importo del canone? Sicuramente una mazzata, come sempre contro le piccole attivita’. Non per nulla l’incasso stimato da parte dello Stato e’ 1.8 miliardi in piu’. Se il canone viene abbassato a 60-80 euro il resto dove si prende? Sempre sulle spalle delle piccole attivita’, come sempre in questa nazione.

    3. Gianfranco dice:

      Ma Renzi non ha qualcosa di meglio da fare? Si preoccupa per il canone RAI perché non prova ad aumentare le pensioni da miseria, tutti quelli che non superano i 500 euro mensili? Deve solo vergognarsi ha solo chiacchiera ma non fa i fatti. Intanto lavoratori e pensionati continuano a pagare un irpef da far paura. Vergogna per un governo che pretende di essere serio e non combina nulla.

    4. daniele dice:

      perchè non parliamo dei stipendi che percepiscono loro con altrettanto di buona uscita!E’una vergogna!i cittadini ci rimettono sempre!non é già abbastanza!si dimenticano spesso che gia paghiamo altre tasse e che non trovano giustificazione nella loro applicazione!ricordatevi tutti che dobbiamo essere più uniti e chiedere a gran voce, BASTA CON LE TASSE !!!!!!!!!!!!!

    5. Carlo dice:

      Sono ridicoli …la soluzione c’è già e fanno finta di non vederla: basta abilitare il criptaggio delle trasmissioni rai e dare la card di sblocco SOLO A CHI E’ IN REGOLA. I TV moderni già da anni hanno tutti il lettore di card. Anche i decoder comprati col contributo statale MHP sono presisposti. Che si sveglino e lascino stare chi non guarda la RAI…

    6. Claudio dice:

      Io ho intestati 2 contratti di energia elettrica per rispettivamente 2 uliveti. Tali contratti sono utilizzati per irrigazione e nei 2 uliveti non c’è alcuna costruzione.
      Che cosa succederà? Dovrò pagare un canone per vedere la TV sotto gli alberi di ulivo, mentre li annaffio?
      Siamo seri!

    7. Vale.C. dice:

      Siamo alle solite. Ci sono aziende di serie B che possono fallire ed altre di serie A che in caso di difficoltà possono rastrellare quattrini alla gente. La scusa qual’è che è un’azienda di Stato? Bene proponiamo un referendum: RAI SI o NO.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *