• La pensione degli imprenditori: continuare a lavorare

    pensionato.jpgSolo un imprenditore su dieci è fiducioso sulla propria futura pensione, mentre più della metà  pensa che, per evitare problemi, la soluzione migliore sia continuare a lavorare.

    La previdenza degli imprenditori è uno degli aspetti analizzati dal Rapporto “Gli interessi dell’impresa diffusa in tempo di crisi e le strategie della rappresentanza” realizzato dalla Fondazione Rete Imprese Italia su un campione di 2.500 PMI con meno di 50 dipendenti: dal caso Esodati al taglio della rivalutazione delle pensioni, dall’innalzamento dell’età  pensionabile al passaggio al contributivo pieno e alle pensioni d’oro, sono diverse le questioni aperte con la Riforma delle Pensioni Monti-Fornero di cui si discute ancora (con tanto di proposte di legge in Parlamento, <= leggile), ma questa della pensione degli imprenditori è un’angolazione di cui invece si parla poco.
    Vediamo i dati.

    => Vai allo Speciale Esodati

    Alla domanda su come vedono il futuro a partire dal giorno in cui smetteranno di lavorare, il 33,4% degli imprenditori dichiara che la situazione sarà  abbastanza problematica, mentre il 22,6% ritiene che, nonostante i contributi versati, sarà  impossibile avere un assegno adeguato. A questi, si aggiunge un 21,9% che non è in grado di valutare la propria situazione, e un 10,5% che pensa sia prematuro occuparsene. E solo l’11,6% è tranquillo e pensa che non avrà  alcun problema (appunto, circa uno su dieci).

    => Vai allo speciale riforma delle pensioni

    Cosa pensano di fare per garantirsi una terza età  serena? Il 56% non ha dubbi: continuerà  a lavorare. La fiducia nelle previdenza complementare, il famoso secondo pilastro, così come non riscuote particolare successo fra i dipendenti, non attira particolarmente nemmeno gli industriali.

    => Leggi gli approfondimenti sulla previdenza complementare

    Solo il 19% ha sottoscritto un piano di previdenza integrativa, a cui si aggiunge un 12,1% che ha scelto una polizza assicurativa. C’è anche un 3,6% che dispone di un patrimonio immobiliare in grado di garantire tranquillità , e un 1,9% che conta su rendite da investimenti mobiliari.

    Il 12% si dichiara troppo giovane per occuparsene (più del 10% di coloro che hanno dato questa risposta ha più di 45 anni, nessuno ha già  raggiunto i 64 anni).

    C’è un altro dato interessante legato all’età : la scelta di continuare a lavorare per evitare problemi cresce con l’aumentare dell’età , mentre la maggioranza degli imprenditori fino a 44 anni ritiene che riuscirà  a godersi la pensione.

    Se il futuro personale dunque non sembra roseo, certo la situazione non migliora quando la domanda riguarda invece le prospettive dell’azienda (in questo caso, però, si parla di aspettative di breve termine, relative a come si concluderà  il 2012 rispetto all’anno precedente). L’effetto della crisi è evidente: il 32,3% degli intervistati è pessimista, a fronte d un ben più ridotto 17% che invece chiuderà  meglio del 2011 (ma in genere, leggermente meglio, più raro il caso in cui si vede un miglioramento consistente). Il 37,2% ritiene che la situazione resterà  stabile, il 13,2% non è in grado di fare previsioni per la perdurante incertezza.

    Se vuoi aggiornamenti su La pensione degli imprenditori: continuare a lavorare inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. antonino dice:

      E’ finita l’epoca dei pionieri del lavoro che si sono inventati la qualunque per sbarcare il lunario; artigiani sempre più poveri e sempre più tartassati.Se sono riusciti ad accumulare ricchezze adesso lo stato se le rimangia piano piano.
      30 anni di contributi per una pensioncina ………..(da fame ) di 582,00 € e, per contro, devo ancora lavorare per mantenere imbroglioni e mazzettari. Mentre il popolo raccatta cibo dalla spazzatura, questi ladri autorizzati banchettano abbondantemente, pasteggiando con vini e cibi pregiati a mo di Camillo Benso conte di Cavour.
      Viva l’italia onesta.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *