• Lombardia: un Piano per finanziare la sicurezza sul lavoro

    Lombardia: un Piano per finanziare la sicurezza sul lavoroIl 5 maggio è stato sottoscritto il Piano regionale per la Promozione della sicurezza e della salute negli ambienti di lavoro dalla Regione Lombardia, in accordo con le parti sociali, i sindacati, il mondo dell´economia e dell´impresa e le istituzioni preposte all´attuazione e alla vigilanza della normativa in materia di tutela de lavoratore.
    Elemento centrale è la promozione della cultura sulla sicurezza.

    La Regione finanzierà  progetti per 12 milioni di euro e INAIL stanzierà  700 milioni per investimenti nel triennio 2011-2013.

    Il Piano prevede, attraverso una definizione di ruoli dei soggetti coinvolti, un incremento del numero dei controlli nelle aziende, con particolare attenzione nei settori ad elevato rischio per i lavoratori.

    Un passo importante sarà  l’integrazione programmatica ed operativa tra le Aziende sanitarie locali, le Dpl, gli Organismi paritetici e tutte le articolazioni territoriali degli Enti del Sistema della prevenzione, attraverso un sistema informativo regionale della prevenzione ideato e realizzato per condividere informazioni con tutti coloro che operano in tema di sicurezza, assicurando così la disponibilità  di un agile strumento di coordinamento dell´attività  di controllo che comprenderà  anche una anagrafica dei cantieri e dei controlli effettuati da tutti gli Enti.

    Lo scopo è quello di attivare sinergie, all´interno dei Comitati provinciali di Coordinamento, affinché le soluzioni operative/linee di indirizzo/vademecum per rischi specifici, già  prodotti nella precedente pianificazione, siano applicate nelle aziende virtuose, consentendo così loro di godere dei meccanismi premiali.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Lombardia: un Piano per finanziare la sicurezza sul lavoro inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *