• Guida semplice a Google Analytics: chi visita il nostro sito web?

    Attrarre visitatori sul proprio sito e analizzarne la tipologiaSe avete utilizzato alcune forme di promozione per il vostro sito web statico, un buon sistema di analisi è Google Analytics.
    Spesso, però, non è facile orientarsi tra numeri e sigle, come conferma l’iniziativa Google Analytics IQ che contempla la possibilità  di testare le proprie competenze su questo strumento – “Google Analytics Individual Qualification“.

    Facciamo qualche esempio per capiure subito come leggere i nostri dati. I visitatori provenienti da diversi canali possono essere:

    • Organic: questi visitatori provengono da una ricerca fatta su Google o altro motore.
    • Referral: visitatori che, seguendo un link, provengono da un altro sito (es. banner pubblicitari, promozioni in corso).
    • AdWords: se avete svolto una campagna di annunci di questo tipo i visitatori avranno cliccato un link posto a fianco o sopra i risultati di ricerca di Google.
    • AdSense: se avete svolto una campagna di annunci di questo tipo i visitatori avranno cliccato un annuncio apparso su un altro sito a tema – teoricamente – nel network di Google.

    Questi dati quantitativi possono poi essere analizzati in comparazione con:

    • Pagine Viste: numero di pagine visualizzate dall’utente, quantità  direttamente proporzionale all’interesse del visitatore.
    • Tempo medio sul sito: intuitivamente, se il tempo è poco l’utente non era molto interessato.
    • Frequenza di rimbalzo: Percentuale di visitatori che abbandonano il sito subito dopo aver aperto la pagina richiesta.

    Migliori risultati

    I visitatori che passano più tempo sul sito sono quelli Organic e Referral, con la probabile differenza che i Referral, provenendo da un link promozionale, probabilmente si soffermano di più solo sulle pagine interessate e non su tutto il sito, impiegando quindi meno tempo.

    Frequenza di rimbalzo più alta

    I visitatori provenienti da AdWords e AdSense, di solito sono quelli più frettolosi.

    Ipotizziamo una frequenza di rimbalzo alta: può essere giustificata nel caso che la campagna sia rivolta a un prodotto specifico e il numero di pagine da vedere sia basso.
    In caso contrario, se la campagna è orientata a pubblicizzare tutto il sito, un’alta frequenza di rimbalzo sarà  un risultato non soddisfacente.
    Una campagna in questo caso di cui fare a meno!

    Se vuoi aggiornamenti su Guida semplice a Google Analytics: chi visita il nostro sito web? inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *