• A proteggere i sistemi operativi ci pensa l'NSA

    nsa.gif

    C’è l’NSA dietro la messa in sicurezza della maggior parte dei sistemi operativi sul mercato, Windows, Mac OS X e Linux compresi. A confermarlo (visto che non era un segreto) è stato Richard Schaeffer un ufficiale del dipartimento statunitense di sicurezza nazionale. La novità riguarda piuttosto la natura della collaborazione: non una revisione dei sistemi a posteriori, magari qualche mese dopo il rilascio, ma un’assistenza da parte di NSA già in fase di sviluppo.

    Le consulenze di NSA hanno riguardato colossi come Sun, Apple, Red Hat e Microsoft, che ha “usato” gli esperti della Sicurezza Nazionale per proteggere dagli attacchi anche il recente Windows 7. NSA non ha però lesinato di offrire il proprio “know-how” ai produttori di software per la sicurezza, come Symantec e McAfee.

    L’idea del dipartimento della difesa è quello di allargare il più possibile queste collaborazione ad enti pubblici e privati. Le minacce informatiche sono infatti considerate il principale problema di sicurezza che andrà combattuto nel ventunesimo secolo.

    Un problema alla cui risoluzione devono collaborare in primo luogo gli utenti: l’abitudine di mantenere sistemi e antivirus aggiornati blocca già l’80% delle minacce. Per il restante 20% non resta che sperare in bene, magari dando un’occhiata alle guide ufficiali NSA sull’hardening.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su A proteggere i sistemi operativi ci pensa l'NSA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *