• Sostenitore Microsoft o OpenOffice?

    Il mondo informatico può definirsi spaccato in due: chi si schiera a favore di Microsoft e dei suoi prodotti (in questo caso Office) e chi si schiera verso l’open source e quindi OpenOffice.

    La risposta giusta ad una domanda come quella del titolo dell’articolo non esiste. È semplicemente una questione di gusti e di abitudini.

    Chi ha cominciato utilizzando Microsoft Office 95, e ha avuto modo di utilizzare anche le versioni successive, avrà nel tempo sviluppato una forma mentis tale per cui sono ormai abituati a trovare i comandi negli stessi posti e che hanno difficoltà a passare ad un’altra suite di un altro produttore (come sappiamo la veste grafica è stata stravolta nella versione 2007, ma i comandi sono comunque facilmente raggiungibili).

    Mi si potrà obiettare a questo punto che OpenOffice è gratuito, che ha alcune peculiarità che ancora Office non include e che occupa meno spazio. Tutto vero, ma chi utilizza un database creato con Microsoft Access non potrà certamente utilizzare OpenOffice Base, pena il ritrovarsi di fronte ad un db da risistemare pezzo per pezzo. Le applicazioni di OpenOffice includono un limitato numero di modelli a disposizione dell’utente per l’elaborazione grafica dei documenti. OpenOffice è comunque indispensabile per tutti coloro che utilizzano un sistema operativo open source come Ubuntu.

    Insomma, la risposta giusta non può esistere. È una questione di gusti, di forma mentis, di necessità, ma anche di tasche. Sta all’utente decidere che cosa utilizzare.

    Ma voi cosa utilizzate? Perché?

    [poll=2]

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Sostenitore Microsoft o OpenOffice? inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Giovanni dice:

      A mio modesto avviso (e non solo) i prodotti Microsoft (Office in questo caso) sono sempre i migliori in assoluto, perchè sono i più affidabili e quelli più ricchi di funzionalità, oltre che quelli più utilizzati in ambito professionale e non.

    2. Jack dice:

      Secondo me, nel momento in cui Office è diventato Office System, ai tempi della versione 2003 (cosa al quale non è mai stato dato il dovuto rilievo, secondo me, anche in termini di comunicazione) con i prodotti server, la comunicazione, la collaboration, il workflow, e quant’altro, mi sembra che la biforcazione tra i due prodotti sia aumentata.

      OpenOffice è un buon prodotto, niente da dire a riguardo, ma non si può negare che sia rimasto fermo alla produttività individuale propriamente detta.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *