• Il CRM in azienda: una scelta strategica

    Molti clienti, tanti fornitori: i CRM possono venirci in aiutoInsieme di processi integrati per la gestione delle relazioni con la clientela, il CRM (Customer Relatioship Management) è fondamentale per stabilire nel tempo rapporti solidi di fidelizzazione in grado di soddisfare i clienti e aumentare il valore di un’impresa, soprattutto per quelle orientate al marketing.

    Scegliere le soluzioni o gli applicativi più adatti alle proprie esigenze – come abbiamo già  visto – non è però così immediato per un’azienda, soprattutto quando si tratta di realtà  medio-piccole e non necessaramente avvezze alla tecnologia per automatizzare e ottimizzare il proprio business.

    Gli ambiti decisivi in cui le moderne soluzioni di CRM possono produrre significativi vantaggi per una PMI sono l’automazione della forza vendita e del marketing, le procedure di assistenza ai clienti e la reportistica.

    I benefici concreti? Oltre al potenziamento delle performance nelle fasi di procacciamento clienti, trattativa e vendita ed esposizione portfolio e cataloghi, l’utilizzo di un buon applicativo CRM può apportare anche un maggiore consolidamento sul territorio e nei confronti dei concorrenti.

    Di certo, qualunque applicativo non può prescindere da solide basi metodologiche su cui “impiantare” il modello di CRM prescelto. Sarebbe incompleto parlare di CRM riferendosi solo alla parte software o solo alla parte strategica. Per essere davvero proficuo, il CRM deve essere inteso come un’ulteriore strumento di implementazione del management.

    CRMUna volta stabilito ciò, quindi, si può procedere alla valutazione dei prodotti disponibili sul mercato da integrare in azienda. Fondamentale è partire dalle procedure CRM di tipo operativo (per gestire il marketing, le reti di vendita, l’assistenza ai clienti, i contact center, ecc.) per poi proseguire con quelle di tipo collaborativo (integrazione con strumenti di comunicazione) ed infine “affinarsi” in quelle di tipo analitico (sistemi di Business Intelligence, reportistica, analisi, e così via).

    I moduli generalmente previsti sono legati ai settori vendite (Sales Automation e Marketing, ad esempio) e servizi (gestione clienti, supporto, et cetera), e consentono di tracciare e condividere in azienda tutte le attività  svolte a livello di gestione clienti. Tali soluzioni, oltretutto, sono di estrema utilità  per la gestione delle procedure di supporto tecnico e assistenza post-vendita.

    Quando si parla di CRM è inevitabile pensare subito ai grossi colossi dell’IT, anche se sono diverse le software house che si sono specializzate nella produzione di soluzioni ad hoc molto flessibili e ben integrabili in azienda.

    Per chi volesse andare sul tradizionale, la scelta potrebbe cadere su applicazioni collaudate come Microsoft Business Solutions CRM. In particolare, per le Pmi il prodotto jolly è Microsoft Dynamics CRM 3.0 Small Business Edition. Sviluppata con tecnologia .NET, personalizzabile, scalabile, gestibile e di facile implementazione, la soluzione Microsoft si integra con altre complementari (es.: ERP, Posta elettronica) ed è accessibile interamente via web con gestione centralizzata delle attività  e accesso immediato ai report.

    Per le PMI che invece preferiscono affidarsi a soluzioni ancor più semplici e intuitive – magari pensando ad un business dai volumi più contenuti e pertanto da gestire con maggiore immediatezza – esistono sul mercato soluzioni come la piattaforma BClimb di RGM Consultants.

    È un’applicazione web che non obbliga a particolari investimenti in software o hardware e, da buon CRM, punta su condivisione online delle informazioni (contenuti, risorse, prodotti, ecc.), automazione della forza vendita, gestione prodotti, marketing, relazione post-vendita, analisi e sicurezza. I moduli sono molteplici e permettono di personalizzare al massimo le performance dell’applicazione integrata.

    È chiaro che le soluzioni citate sono soltanto alcune delle decine e decine disponibili sul mercato, sia proprietarie che open source, come ad esempio vTiger CRM o SugarCRM.

    In ultima analisi, basta comprendere le proprie necessità  e aprirsi alla tecnologia. Alle aziende la scelta finale.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Il CRM in azienda: una scelta strategica inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. david dice:

      si ma se si volesse consigliare quale crm dottare cosa consigliereste? tipo meglio sugarcrm o vtiger?

    2. Giulia dice:

      Siamo il gold partner di riferimento di Sugarcrm in Italia.
      Abbiamo della documentazione di confronto tra le due soluzioni sopra citate. Per qualsiasi informazione può scrivere a info@opensymbol.it

    3. Emanuele dice:

      Le soluzioni aatuali sul mercato italiano open source sono di puro display, senza alcun costrutto statistico implementato e ancor meno sostenuti da architetture modellizzanti per l’analisi delle variabili di intresse per il marketing.
      Una soluzione spinta e open source ma che per utilizzarla occorre una corposa formazione in business analysis è Eclipse.

    4. Emanuele dice:

      Per quanto pertiene quelli enterprise proprietari SAP e Microstrategy sono veri strumenti CRM, quantomeno se lo si intende come sistema di gestione del costumer profitable management e non con invetario di contatti.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *