• Open source per aumentare la diffusione dei virus

    virus_malware.jpg

    Quale soluzione migliore per aumentare la diffusione dei propri virus e trojan se non l’adozione della filosofia open source?.

    È quello che stanno facendo gli sviluppatori di malware nell’ultimo periodo, favorendo l’accesso al sorgente delle proprie “creature”, dal codice per creare botnet di PC zombie a quello per password-stealer, in grado di rubare le informazioni finanziarie e bancarie.

    Stando a quanto riferito da Candid West di Symantec, attualmente quasi il 10% del mercato dei trojan sarebbe open source.

    La strategia che sta dietro a questa mossa è la speranza di uno sviluppo sempre più crescente nell’ambito malware che apporti interessanti novità quali strategie di stealthing e crittografia sempre più raffinate e in grado di nascondere ancora meglio i virus nel sistema.

    Un caso famoso del passato è quello del noto trojan Back Orifice: nel 1999 il gruppo “Cult of the Dead Cow” decise di rilasciarne il sorgente.

    Tornando ai giorni nostri tra i più importanti il trojan Limbo rilasciato nel 2007, sostituito un anno dopo dal trojan Zeus più complesso e sofisticato.

    Il giro d’affari che circola attorno questi malware è decisamente imponente, basti pensare che il Limbo Trojan kit era venduto per 350$ al tempo, mentre il sorgente del trojan Zeus viene venduto per cifre che si aggirano tra i 1.000$ e 3.000$.

    Per non parlare poi dei milioni di dollari “incassati” dal mercato nero sfruttando le informazioni finanziarie e bancarie recuperate dalle macchine infette.

    L’altro lato della medaglia di questa scelta è però la possibilità che in questo modo i produttori di antivirus e security researcher entrino più facilmente in possesso del sorgente di questi virus/trojan, permettendo così di avere metodi di detection ed euristiche migliori.

    Resta dunque da vedere come si evolverà la situazione e soprattutto quali altre soluzioni troveranno i virus writers per sfruttare magari in maniera ancora più proficua il modello open source.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Open source per aumentare la diffusione dei virus inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *