• Impresa familiare: collaborazione di parenti e affini

    Impresa familiareGenitori, figli, fratelli, sorelle e nonni che danno una mano nell´azienda familiare non necessitano di instaurazione di un rapporto di lavoro né iscrizione presso gli enti previdenziali. Tale collaborazione, infatti, si considera di natura occasionale. E´ quanto indicato in una lettera del Ministero del Lavoro. In ogni caso la collaborazione viene ritenuta occasionale quando viene resa fino a 90 giorni ovvero 720 ore in un anno solare.

    => Leggi tutto sulle imprese familiari

    La nota prot. 10478 del Ministero del Lavoro è prevalentemente indirizzata agli ispettori, ai quali vengono dettate le regole di comportamento nei controlli sulle collaborazioni familiari nei casi di piccole imprese in cui il titolare beneficia dell´aiuto del coniuge, dei parenti o degli affini.

    => Leggi anche Lavoro in famiglia: quando si parla di impresa familiare?

    Per il Ministero del Lavoro, infatti, tali collaborazioni sono basate su un´obbligazione di tipo morale dettata dal legame affettivo. E´ importante, però, che il grado di parentela e di affinità  sia entro il terzo grado ovvero quarto grado per il solo settore agricolo. Affinché la collaborazione sia occasionale è necessario che il familiare sia pensionato o impiegato full time presso altri datori di lavoro.

    Affinché possa essere intesa come occasionale, è necessario che la prestazione non superi il limite dei 90 giorni ovvero 720 ore nel corso di un anno solare. Ciò vuol dire che se il collaboratore supera il limite dei 90 giorni, il rapporto si considera occasionale se l´attività  viene svolta per qualche ora al giorno entro il limite massimo delle 720 ore annue.

    => Approfondisci l’argomento delle prestazioni occasionali

    • Parenti
      • Primo grado
        • Genitori
        • Figli
      • Secondo grado
        • Nonni
        • Fratelli
        • Sorelle
        • Nipoti
      • Terzo grado
        • Bisnonni
        • Zii
        • Nipoti
        • Pronipoti
    • Affini
      • Primo grado
        • Suoceri
      • Secondo grado
        • Nonni del coniuge
        • Cognati
      • Terzo grado
        • Bisnonni del coniuge
        • Zii del coniuge
        • Nipoti

    In tutti i casi in cui la prestazione può ritenersi occasionale, l´ispettore non può pretendere la presenza di un rapporto di lavoro né l´iscrizione presso enti di previdenza.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Impresa familiare: collaborazione di parenti e affini inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. maria rosaria dice:

      ERA ORA. MA NON SOLO PER 90 GIORNI,
      I RAPPORTI AFFETTIVI E DOVE IN UNA FAMIGLIA SI COLLABORA, NON ESISTONO ORE DATE E GIORNI
      CARISSIMI ISPETTORI DEL LAVORO, NON DOBBIAMO NASCONDERCI, SOLO PERCHE’ LAVORIAMO E NON RUBIAMO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
      UNA MAMMA

    2. Alberto Mabiasi Maggi Bresciani dice:

      quando non avranno più’ aziende da strangolare andranno a lavorare e vedranno per la prima volta il sudore sulle loro fronti,vedranno come si sta dalla parte di chi produce,commercia,e si attiva con impegno puntando sulle proprie forze non sfruttando come parassiti la vita degli altri per mantenere i privilegi e i diritti acquisiti (solo i loro e di quelli che hanno contribuito allo sfascio).Allora noi staremo a guardare: due uova,un panino,una tazza di latte a noi bastano, a loro no.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *