• Marketing non-convenzionale ed etica: incontro possibile?

    guerrillaNei giorni scorsi, presso l’Università  Lumsa si è svolto il convegno “Marketing: non convenzionale ma etico! Per un guerrilla marketing responsabile, tra etica e diritto”.

    Un’occasione per riflettere sull´uso degli stili di Marketing non convenzionale in una prospettiva etica, con una particolare attenzione al Guerrilla marketing.

    E’ possibile realizzare campagne di marketing non-convenzionale etiche?

    Il marketing non convenzionale è un approccio alla comunicazione per fini commerciali che si discosta dai tradizionali metodi del marketing, perché applica
    metodi innovativi di comunicazione che cercano di coinvolgere e incuriosire i pubblici.

    Questo approccio permette di raggiungere gli obiettivi a fronte di budget molto limitati, ma con un grande sforzo creativo di chi inventa la campagna.

    Il coinvolgimento ricercato, per innescare il word of mouth, può a volte ledere norme giuridiche o convenzioni sociali dei pubblici individuati, creando un conflitto fra chi realizza le campagne e chi riceve gli effetti, anche se in una prospettiva partecipativa.

    In particolare il Guerrilla marketing, uno stile molto aggressivo e fortemente legato alle azioni sul territorio, ha suscitato polemiche in più occasioni per i messaggi veicolati, potenzialmente pericolosi e in grado di influire sull’immaginario collettivo innescando comportamenti sociali devianti.

    Si pensi alla recente campagna organizzata da SKY per promuovere la serie televisiva di Romanzo Criminale, noto film che racconta la storia di una delle bande più pericolose della Capitale tratto dall’omonimo romanzo di Giancarlo De Cataldo, e che ha scuscitato numerose polemiche.

    Può infatti accadere che le aziende che applicano la guerrilla raggiungano gli scopi della campagna, ma violando norme giuridiche e convenzioni sociali, con un ritorno negativo sulla propria reputazione.

    Tra le azioni estreme e la rinuncia al marketing non-convenzionale esiste una gradazione di possibilità  per applicare il marketing non-convenzionale, raggiungere obiettivi commerciali e di comunicazione senza creare danni alla società .

    In questi casi vince l’ingegno o saikaku come direbbe un marketing manager giapponese. E voi cosa ne pensate?

    Se vuoi aggiornamenti su Marketing non-convenzionale ed etica: incontro possibile? inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Buongiorno,
      ritengo particolarmente interessante questo articolo ed approfitto per esprimere la mia idea al riguardo…
      Credo che il marketing 2.0 (viral, guerrilla. seeds, buzz ecc ecc…) sia fondato sulla componente sociale ovvero sulle persone (più che su consumatori e clienti come nel passato) e per tale motivo, deve senza scorciatoie, rispettare quelle che sono le norme sociali del rispetto e della correttezza; può invece contrastare e far guerriglia nei confronti di mal costumi specifici delle società  d’oggi.
      Spesso l’Etica viene messa da parte perchè l’unico obiettivo è il “purchè se ne parli tutto è lecito”… Nel giro di qualche anno queste innovazioni di marketing perderanno il loro valore e saranno svalutate da una sorta di “inflazione da utilizzo”… se notate, tutti fanno marketing non convenzionale! Poi a livello di risultati è tutto da vedere…
      Se dovessimo idealmente certificare la maggior parte delle campagne dal punto di vista etico sarebbero in pochi a salvarsi.
      Credo fermamente in uno spostamento verso il Marketing Etico come base per QUALSIASI azione di Marketing e Comunicazione.

      Grazie per lo spunto!

      Francesco, Qore di Style

    2. ila dice:

      vorrei avere più info a riguardo, chi può aiutarmi? grazie

    3. ily dice:

      vorrei più info al riguardo.. è possibile avere link del seminario?

    4. Francesco dice:

      Ciao!

      Scrivimi pure su f.fascinato@hotmail.it

      attendo il tuo contatto! A presto!

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *