• Buon incremento dei contratti a tempo indeterminato nelle Pmi

    contratto di lavoro

    Secondo quanto rilevato dall’Osservatorio sul mercato del lavoro, della Confederazione nazionale artigianato, nel corso del mese di febbraio i nuovi contratti a tempo indeterminato sarebbero stati il 37,5% del totale, in incremento del 5% rispetto allo stesso periodo di appena un anno fa. Per la Confederazione, il balzo sarebbe principalmente attribuibile all’effetto delle norme sulla decontribuzione nei primi tre anni, prevista dalla legge di Stabilità.

     

     

    => Riforma del Lavoro sull’indeterminato

    In particolare, dichiara la Confederazione in una sua nota, la crescita del lavoro dipendente a tempo indeterminato sarebbe il primo effetto delle norme che rendono notevolmente più convenienti queste tipologie di contratti, in virtù della decontribuzione che viene prevista per i primi tre anni. Il ricorso ai contratti a tempo indeterminato aveva d’altronde già iniziato ad aumentare nello scorso mese di gennaio, e a febbraio ha vissuto una vera e propria impennata statistica. In maniera ancora più specifica, la Confederazione prevede che con l’entrata in vigore del decreto sul contratto di lavoro a tutele crescenti, in attuazione del Jobs Act, già da marzo si registrerà una ricomposizione delle forme contrattuali applicate ancora più marcata, auspicando altresì che l’occupazione torni a crescere grazie al miglioramento del quadro congiunturale in atto. Infine, i dati forniti dalla Cna segnalano che all’interno del “mondo” a tempo indeterminato, sono cresciute principalmente le assunzioni a tempo pieno, con una quota che è passata dal 21,3% al 31,2% del totale delle assunzioni in un anno.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Buon incremento dei contratti a tempo indeterminato nelle Pmi inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. cristoforo dice:

      Questa euforia dei contratti a tempo indeterminato finirà.Esempio se oggi prendiamo una regione che vive solo per turismo estivo Campania ,isola di Capri ,isola D’Ischia , Procida, Sorrento, Vietri sul Mare, Costiera Amalfitana ecc. ecc.in queste realtà oggi a tutti i dipendenti stagionali si sono fatti i contratti a tempo indeterminato.Se non vado errato i stagionali in Italia si calcola che sono circa quattrocentomila.I datori di lavoro hanno fatto questo per avere gli incentivi.Noi sappiamo bene che massimo fino ALLA FINE DI OTTOBRE SI FA IL TURISMO ESTIVO I FORTUNATI, MENTRE GLI ALTRI FINE SETTEMBRE.Inoltre la stagione estiva alcune parti comincia a marzo esempio chi fa le cure termali.A ottobre questa gente verrà sospesa e non prenderanno nemmeno un centesimo.Dove andranno a mangiare chi pagherà i mutui le bollette. Da ottobre faremo altre quattrocento mila persone esodati,non riceveranno un becco di centesimo mentre i datori di lavoro intascheranno circa cinque mila euro a dipendente .COMPLIMENTI E UNA OTTIMA LEGGE PER AFFAMARE I DIPENDENTI STAGIONALI.POSSIBILMENTE SE QUALCUNO MI PUO’ SMENTIRE.DISTINTI SALUTI.CRISTOFORO IGNOSCIA

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *