• Per le imprese artigiane un 2013 di stagnazione

    impreseartigiane.jpgLa crisi continuerà  nel 2013 per le piccole e micro-imprese artigiane già  in difficoltà . Sono le conclusioni di un´indagine Censis svolta per conto della Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa (CNA) su un campione di 450 imprese con meno di 50 addetti: quasi la metà (46,8%) attraversa una fase di ridimensionamento o stagnazione (45,3%).

    => Consulta gli incentivi per imprese artigiane

    La maggioranza degli imprenditori ritiene che la propria azienda non uscirà  dallo stato di stagnazione in cui si trova e il 21,7% prevede il perdurare della crisi, ma almeno il 40% ha fiducia nel 2013: il 20,1% degli imprenditori parla di ripresa, l䙛,6% di consolidamento dei risultati raggiunti, e il 6,5% di vera e propria crescita.

    => Scopri gli effetti della crisi sulle PMI

    Gli effetti della crisi sono particolarmente duri soprattutto sul versante occupazionale. Tra il 2007 e il 2012 le piccole aziende artigiane hanno subito una riduzione di oltre un quarto del numero degli addetti. Drammatica la situazione delle piccole e piccolissime imprese: quelle con 1-4 addetti hanno perso il 29,3% degli occupati, quelle tra 5 e 9 il 29,8% e quelle tra 10 e 19 lܐ,3%.
    In compenso, le aziende che hanno tra i 20 e i 49 addetti hanno visto aumentare l´occupazione del 5,9% nello stesso periodo. Alla domanda su quali misure aziendali s’intenda adottare per il 2013, il 30,1% degli imprenditori risponde di voler riorganizzare i processi di lavoro, il 17,6% di ridurre l´organico, il 16,6% di riqualificare le risorse umane, il 15% di utilizzare (o prorogare) la cassa integrazione e il 14,9% di voler assumere nuovi dipendenti.

    I giovani sono le vittime privilegiate del disastro occupazionale : tra gli occupati sotto i 30 anni si registra una flessione del 52,8%. Non sono molte, il 32%, le imprese che puntano sulla gioventù per il proprio rilancio mentre la maggioranza degli imprenditori lamenta difficoltà  all’inserimento della forza lavoro giovanile a causa di impreparazione tecnica, troppe pretese, scarsa attitudine al lavoro artigiano e a sopportarne gli elevati carichi (25,1%). L’accusa è rivolta principalmente alla scuola che tre aziende su quattro giudicano inadatta a preparare le future generazioni al mondo del lavoro.

    => Consulta gli incentivi per l’occupazione giovanile

    Valutazione positiva invece per l’apprendistato, che più di un’impresa su tre ritiene efficace per il suo mix di studi teorici ed esperienza pratica.

    Diverse sono le strategie messe in atto per resistere e tornare a crescere. Il 38,6% delle imprese è stata costretta dalla crisi a ridurre il proprio organico ma il 33% è riuscito ad assumere nuovo personale, generalmente per rimpiazzare personale andato via.

    Oltre un´impresa su quattro (26,4%) ha fatto ricorso alla cassa integrazione, il 17,1% delle imprese ha diminuito l´orario di lavoro dei dipendenti, il 16,6% riorganizzato i processi di lavoro, il 13,6% riconvertito professionalità  già  presenti all´interno dell´azienda, il 10,7% ridotto lo stipendio dei dipendenti mentre il 7,9% non ha rinnovato contratti a termine o di collaborazione.

    Per superare la crisi la maggior parte delle aziende (67%) reputa centrale mantenere alta la qualità  artigiana delle produzioni e dei servizi, e solo in seconda battuta migliorare la gestione finanziaria e ricercare nuovi mercati.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Per le imprese artigiane un 2013 di stagnazione inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *