• CartaSì: sito phishing nei server Sony

    CartaSony

    Probabilmente è solo un caso, ma Sony continua a restare sotto i riflettori; e non certo per cose piacevoli. Degli hackeraggi subiti (sarebbe meglio chiamarli crackeraggi) si è detto già molto, con l’intero sistema Playstation Network in ginocchio.
    La notizia, pur non correlata attacco del mese scorso, è forse altrettanto grave.
    In parole povere un sito fasullo imitante quello di CartaSì è (era?) ospitato dal server tailandese della multinazionale.

    Un sito “esca”, creato per rubare i codici di accesso all’internet banking dei possessori di CartaSì, è stato creato “appoggiandosi” impunemente ai server Sony.
    Ad accorgersene sono stati i ragazzi di F-Secure che non hanno risparmiato qualche frecciatina ironica:

    Sony è stata hackerata di nuovo!

    Davvero periodo da dimenticare per il colosso nipponico.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su CartaSì: sito phishing nei server Sony inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Sanzo dice:

      Alla sony vogliono davvero prenderci in giro.
      Ma non sanno come si verifica l’autenticità di un sito?
      La loro leggerezza in tutto quello che fanno sta iniziando a stancarmi e mi auguro vengano mosse numerose azioni legali contro di essa.

      Alla sony devono darsi una regolata, o iniziano a lavorare bene o chiudano e vadano a raccogliere conchiglie sulla spiaggia a tempo pieno!

    2. MasterPJ dice:

      quoto Sanzo.
      Devono darsi una svegliata o andare a pescare gamberi. Anzi nemmeno, perché “la pesca dei gamberi è DURA!”.

    3. M dice:

      quoto Sanzo.

      Lol sony le sta prendendo da tutte le parti, imho è tutto perchè hanno rimosso otherOS e quindi fregato dei bei soldoni ai poveri geeks che volevano Linux sulla loro ps3.

      Penso sia anche giusto che ora ne paghino le conseguenze.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *