• Incentivi all’esodo: disciplina e tassazione

    Incentivi all'esodo: disciplina e tassazioneSono qualificati incentivi all’esodo le somme erogate dal datore di lavoro al lavoratore al fine di favorire la risoluzione del rapporto di lavoro.

    Per essere considerate tali, non è sufficiente quindi che siano corrisposte in coincidenza con il termine del rapporto di lavoro, bensì occorre che risulti dalla volontà  delle parti che l’erogazione è finalizzata allo scioglimento del contratto di lavoro.

    Tale volontà  può risultare da un accordo individuale o a seguito di una trattativa sindacale.

    Gli incentivi all’esodo non sono utili ai fini del computo del TFR.

    Le somme erogate per incentivare l’esodo dei lavoratori non costituiscono retribuzione imponibile ai fini previdenziali, a condizione che la finalità  di agevolare lo scioglimento del rapporto sia desumibile dalla volontà  contrattuale, non essendo sufficiente una coincidenza temporale con il momento della cessazione.

    Sono, invece, soggetti a contribuzione premi o gratifiche contrattualmente previsti che fanno riferimento alla risoluzione del rapporto come momento temporale dell’erogazione e non come evento generatore della stessa.

    L’INPS ha precisato che sono esenti da prelievo contributivo anche erogazioni che hanno denominazioni diverse, ma che siano comunque finalizzate ad agevolare lo scioglimento del rapporto, comprese quelle che hanno lo scopo di indurre il lavoratore a recedere anticipatamente, ed in particolare le somme corrisposte: per il prepensionamento; per cessazione del contratto a termine; a fronte di riduzioni del personale.

    Secondo un orientamento giurisprudenziale l’esclusione delle somme incentivanti dalla retribuzione imponibile non si applica nel caso di singola risoluzione consensuale, preceduta dalla manifestazione della volontà  datoriale di risolvere unilateralmente il rapporto e dalla richiesta del lavoratore di una somma quale condizione per la risoluzione concordata.

    Gli incentivi all’esodo sono integralmente assoggettati ad imposta.
    Le somme sono soggette a tassazione separata con applicazione dell’aliquota utilizzata per la tassazione del TFR.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Incentivi all’esodo: disciplina e tassazione inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. giancarlo dice:

      2.7.1951 sono nato. Stipendio lordo 1938 ad oggi.
      Un mese di preavviso. Soddisfo quota 95 al 31.12.2010
      Ci sono tabelle per detrminare quota annuale per la
      buonuscita. Si può tentare due annualita? Dai miei calcoli fai da te pensavo di chiedere 35000 euro. Per le
      due che posso chiedere. Grazie

    2. Lapadura Armando dice:

      Salve, ho preso l’incentivo all’esodo con 38 anni di azienda, Cortesemente potete dirmi con quale percetuale saranno tassati la è 66.550 euro

    3. Lapadura Armando dice:

      Salve, ho preso l’incentivo all’esodo con 38 anni di azienda e 60 anni compiuti, Cortesemente potete dirmi con quale percentuale saranno tassati la somma è di 66.550 euro

    4. NUNZIA dice:

      L’incentivo all’esodo viene contabilizzato in contabilita’ con la voce retribuzioni e dedotto come costo nell’anno di erogazione essendo l’azienda in cessazione attivita?? GRAZIE e saluti

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *