• Social Networks, Referral 2.0 & identità  digitale

    ReferralsDi questi tempi anche qui sul nostro blog parliamo sempre più spesso dei così detti Social Network in ambito business. Da alcuni, e io sono tra questi, vengono considerati un’evoluzione importante della comunicazione e dell’interazione online.

    Molte persone sono invece scettiche e dubitano della potenziale diffusione di questi strumenti soprattutto se vengono accostati alla realtà  aziendale.

    Osservando la rapidità  con cui alcuni di questi siti stanno crescendo, soprattutto negli Stati Uniti, ritengo verosimile pensare che si assisterà  ad un processo analogo nel prossimo futuro anche in Italia.
    I primi segni già  ci sono.

    Come ho già  scritto, la caratteristica che qualifica la totalità  delle reti sociali è il fatto di aggregare gli utenti e le loro relazioni attorno ad uno specifico interesse.
    Esattamente come nella realtà  fisica abbiamo preferenze a cui sono legate delle frequentazioni, amicizie o rapporti professionali, così avviene con questi strumenti in ambito digitale.

    Una prima differenza sostanziale nel contesto virtuale è che la velocità  e la ricorsività  con cui è possibile creare ed ampliare tale tipo di relazioni aumenta a dismisura.

    Una seconda differenza importante è il fatto che si viene a concretizzare una situazione di informazione quasi perfetta.
    Le informazioni che un soggetto, individuo o azienda che sia, ha deciso di rendere pubbliche lo diventano e lo rimangono, così come diventano pubblici i giudizi che terzi soggetti hanno deciso di esprimere in merito.

    Arrivando al punto centrale della questione, così come la nostra identità  è (in parte ovviamente) definita dai nostri interessi, dalle nostre relazioni e dai giudizi dati da terzi soggetti su di noi, un´eventuale affermazione e diffusione dei Social Network sarebbe un importante mattone nella costruzione di quella che alcuni già  definiscono “identità  digitale”.

    Facendo un esempio con la realtà  aziendale avremmo, in un contesto digitale, un impresa che diffonde delle informazioni istituzionali in merito alla propria attività , che fa parte di un network in parte pubblico di relazioni con clienti e fornitori e che riceve da questi dei feedback , in molti casi pubblici, sulla bontà  o meno del servizio offerto.

    Praticamente una fotografia in digitale.

    Mi rendo conto che la questione presentata in questo modo possa apparire un po´ astratta, ma faccio un esempio pratico tra i moltissimi possibili, che non ha davvero nulla di filosofico… anzi… riflette prassi già  in essere negli Stati Uniti.

    La situazione che descrivo sarà  familiare a molti. Prendiamo il caso di un commerciale che deve contattare il responsabile marketing di una grossa azienda. Supponiamo che effettui una ricerca su LinkedIn incrociando il nome dell´azienda e le parole “responsabile marketing“. Se la persona in questione è iscritta a LinkedIn troverà  il suo profilo.
    Chi ha svolto mansioni commerciali sa benissimo che già  questo è un elemento importante.

    Andando oltre e sfruttando appieno le potenzialità  del Social Network, potrebbe verificare se, nella propria rete di relazioni, ci sono persone che hanno rapporti diretti con questo direttore marketing. In caso negativo potrebbe effettuare una ricerca analoga sui contatti dei propri contatti.
    Ipotizzando che tale ricerca sia coronata da successo, con un paio di email, ritengo che le probabilità  di fissare un incontro con la persona in questione aumentino di non poco rispetto alla trafila usuale che è necessario fare al telefono.

    Questa è solo uno dei possibili utilizzi rivenienti dal processo di digitalizzazione dell´identità . Direi anche tra i più semplici. Credo invece si possa cogliere il quadro globale della questione se a quanto sopra viene accostata la crescente importanza dei feedback pubblici da parte di clienti, fornitori e in generale stakeholders.

    Ritengo ragionevole pensare che, se questi strumenti si diffonderanno, i referral e i network di relazioni andranno via via a costituire una rete di informazioni che si trasformerà  in un asset strategico per individui ed aziende.
    Informazioni che avranno un impatto significativo sulla tradizionale modalità  di fare business in quanto, all’atto pratico, andranno a definire ciò che si comincia a chiamare identità  digitale.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Social Networks, Referral 2.0 & identità  digitale inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *