• E-commerce: differenti i target, diversificate le strategie

    EcommerceIl mercato del commercio elettronico sembra non conoscere le mezze misure.
    Da alcune ricerche effettuate da Netcomm, il Consorzio del Commercio Elettronico Italiano, insieme all´Università  Bocconi e a Gfk Eurisko, risulta che la tendenza degli utenti Internet è di affezionarsi all´uso dell´e-commerce, oppure a non considerarlo affatto come un mezzo per fare acquisti.

    Per le Pmi che sfruttano i canali del commercio elettronico è necessario realizzare campagne di comunicazione diversificate , per raggiungere i clienti più timorosi in un caso, e mantenere stretti quelli più disinvolti nell´utilizzo delle nuove tecnologie nell’altro.

    A fronte di circa 18 milioni di internauti, solamente 5 milioni hanno effettuato, almeno una volta, un transazione online, anche se poi sono diventati consumatori “fedeli”. Molti di questi sono navigatori abbastanza esperti, che hanno imparato a sfruttare i benefici del canale web e dei vantaggi di molte offerte di beni e servizi ad essi riservati.

    Tra questi, senza dubbio, ci sono anche moltissimi utenti cosiddetti “business”, che utilizzano le piattaforme di commercio elettronico per uso privato ma anche per effettuare acquisti per la propria azienda, ottimizzando costi e procedure.

    Dalla ricerca NET-COMM – Gfk Eurisko, in particolare, si evince che ben il 90% degli intervistati intende replicare l´acquisto sul web, esprimendo unanimemente un giudizio positivo sull´esperienza.

    I fattori che motivano ad acquistare online sono:
    1. La convenienza economica (22%)
    2. La comodità  (17%)
    3. La possibilità  di non avere vincoli di orario per l´acquisto (11%)

    Fra coloro che invece non hanno mai fatto acquisti su Internet, sembra esserci un timore reverenziale nell´uso del web e nei sistemi di pagamento online con carte di credito. Inoltre è rilevante notare che questo segmento di potenziali consumatori, appartiene a quei 13 milioni utenti che abitualmente navigano tra le maglie della Rete per ricercare informazioni.

    Le ricerche dimostrano, quindi, la presenza di un doppio binario su cui gli utenti viaggiano per scopi nettamente diversi: alla semplice ricerca di informazioni si contrappongono numerose azioni di compravendita. Per entrambi, è necessario – come dicevamo – pensare a una strategia di comunciazione marketing e di messaggio promozionale personalizzato. Solo così è possibile dimezzare i rischi di un’attività  di e-commerce e riuscire a centrare tutti i diversi target.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su E-commerce: differenti i target, diversificate le strategie inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *