• Dichiarazione Redditi: detrazione spese sanitarie

    Spese sanitarie

    Con la dichiarazione dei redditi è possibile portare in detrazione le spese sanitarie sostenute dal contribuente. La detrazione IRPEF  spetta nella misura del 19%. L’importo deve essere indicato al rigo E1, colonna 2 al lordo della franchigia (129,11 euro). Se le spese superano la somma di euro 15.493,71 la detrazione può essere ripartita in quattro quote annuali di pari importo.

    Tra le spese sanitarie detraibili si evidenziano le prestazioni del medico generico, le prestazioni specialistiche, le perizie medico-legali, le visite assicurative, le visite sportive, le visite per il rinnovo della patente, le prestazioni chirurgiche, le spese per il parto, le spese di degenza, l’acquisto e il noleggio di protesi, l’acquisto e il noleggio di attrezzatura sanitaria nonché l’acquisto di medicinali documentabile con scontrino fiscale contenente il codice fiscale, la natura o la tipologia del medicinale, il codice Aic del prodotto e la quantità.

    Detrazione spese sanitarie nel 730/2014: Guida in pillole

    Le spese sanitarie danno diritto alla detrazione anche se sostenute nell’interesse delle persone fiscalmente a carico. Spettano anche se non si fruisce delle detrazioni per carichi di famiglia in quanto attribuite ad un altro soggetto. Il documento che certifica la spesa deve essere intestato al contribuente o al soggetto fiscalmente a carico.

    Guida alla Dichiarazione dei Redditi 2014

    Le spese sanitarie sostenute nell’interesse dei familiari non a carico, affetti da patologie che danno diritto all’esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria pubblica, danno diritto alla detrazione per la parte che non trova capienza nell’imposta dovuta al familiare non a carico.

    730/2014. Per effettuare correttamente la detrazione sulle spese sanitarie occorre compilare i righi E1 (spese sanitarie), E2 (spese sanitarie per familiari non a carico) ed E3 (spese sanitarie per persone con disabilità).

    Scarica: Modello 730/2014 - Istruzioni di compilazione

    Se la somma complessiva supera l’importo di euro 15.493,71, la detrazione può essere ripartita in quattro quote annuali costanti e di pari importo. La detrazione è calcolata nella misura del 19% sulla quota che eccede l’importo di euro 129,11.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Dichiarazione Redditi: detrazione spese sanitarie inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. salvatore dice:

      bellissimo servizio

    2. antimo dice:

      Ricevere questa informazione è molto importante.Grazie

    3. Alberto dice:

      Importante precisazione, ma giunge troppo in ritardo perché molti contribuenti, in particolare i pensionati, hanno consegnato la dichiarazione,già a partire dal 25 marzo.

    4. antimo dice:

      Ripeto,ricevere questa informazione è molto importante.Grazie.

    5. laura dice:

      Sono informazioni importantissime e utili

    6. luigi bardini dice:

      ho intavolato una causa con un medico dentista dal 2009per non avermi fatto il lavoro come da preventivo finita in marzo 2014, purtroppo persa .vorrei sapere se solo la spesa rimborsata al medico per il lavoro fattomi anche se male,il medico a distanza di tempo,è obbligato a farmi la fattura per poterla scaricare nella dichiarazione del 2015 . GRAZIE

    7. pino n. dice:

      Non capisco cosa si intende per familiari non a carico,(a parte per le patologie che hanno l’esenzione), ma quando il coniuge non a carico, ma avendo reddito basso e quindi non soggetto a IRPEF,e in caso di spese di tipo dentista o ltro, non posso scaricare, perche?. Grazie.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *