• Pirateria, Microsoft riconosce l’importanza del ruolo delle aziende

    73849912.jpgIn casa Microsoft la lotta alla contraffazione è una priorità  inderogabile. Lo dimostra il recente annuncio di 52 azioni legali worldwide volte a bloccare la diffusione di software illegale.

    Teatro principale della controffensiva anti-pirateria è la Cina interessata da ben 15 delle 52 azioni legali intraprese. L’azione segue a breve distanza di tempo la denuncia in
    collaborazione con le autorità  locali e l’FBI di 22 rivenditori accusati di aver venduto copie contraffatte del software Microsoft attraverso i canali più disparati tra cui numerosi siti di aste online.

    Il gigante di Redmond è altresì consapevole dell’importanza della collaborazione da parte delle aziende. Si legge in un loro recente comunicato:

    “Come accadde per lo smantellamento dell’associazione cinese, anche in questi casi i [nostri] clienti hanno svolto un ruolo importante dal momento che hanno contribuito all’identificazione dei contraffattori, segnalando a Microsoft che il software non originale era stato rivelato dalla tecnologia antipirateria Windows Genuine Advantage

    Soprattutto nel settore informatico la contraffazione oltre a inquinare il mercato provoca conseguenze dannose per gli utilizzatori di programmi piratati. “Chi viene portato, molto spesso con l’inganno, ad acquistare un software non genuino mette a rischio i propri dati, gli altri programmi e la sicurezza stessa del computer” ha dichiarato Massimiliano Dona, Segretario Generale dell’Unione Nazionale Consumatori.

    Pertanto anche sul fronte comunicazione è auspicabile una sempre maggiore educazione ad un consumo consapevole che faciliti l’identificazione gratuita e senza rischi dei prodotti contraffatti. È con questo intento che Microsoft che mette a disposizione la guida utenti Microsoft Buying Guide uno strumento utile per riconoscere e tenersi lontani dai prodotti contraffatti, come noto uno dei canali più utilizzati per veicolare malware e spyware. “Ogni giorno, pirati informatici in tutto il mondo mettono a rischio moltissimi consumatori, vendendo loro software contraffatto e difettoso attraverso siti Internet di aste” ha affermato David Finn, Direttore Affari Legali sui temi dell’anti-pirateria di Microsoft Corp.

    Secondo una recente ricerca Confcommercio (reperibile qui) il giro d’affari del business illegale nel settore prodotti multimediali è pari a circa 130 milioni di euro formato da circa 10 milioni di transazioni illegali, download non autorizzati compresi.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Pirateria, Microsoft riconosce l’importanza del ruolo delle aziende inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *