• Infortuni sul lavoro: responsabilità  penale, civile e amministrativa

    LavoriL’assicurazione contro gli infortuni e le malattie professionali è obbligatoria ed è gestita esclusivamente dall’Inail. Il rapporto assicurativo si costituisce nel momento in cui ricorrono le condizioni oggettive e soggettive previste dal Dpr 1124/1965. I lavoratori, pertanto, hanno diritto alle prestazioni Inail anche nel caso in cui il datore di lavoro non abbia adempiuto agli obblighi di pagamento previsti dalla normativa. Questo principio non si applica per i lavoratori autonomi se alla data dell’evento lesivo risultano non assicurati o non in regola con il pagamento del premio assicurativo.

    => Leggi tutti gli articoli relativi agli infortuni sul lavoro

    Le prestazioni erogate dall’Inail garantiscono i soggetti assicurati nei casi di infortunio avvenuti per causa violenta in occasione di lavoro se da ciò è derivata la morte o l’inabilità  permanente al lavoro, totale o parziale, temporanea o assoluta, che comporti l’astensione dal lavoro per più di tre giorni. Il datore di lavoro ha l’obbligo di inoltrare all’Inail, entro due giorni, la denuncia di infortunio. Non c’è obbligo se dal certificato medico risulta una prognosi guaribile in tre giorni oltre quello dell’evento. L’evento che causa l’infortunio sul lavoro determina tre differenti responsabilità : penale, civile e amministrativa.

    => Leggi anche Infortuni sul lavoro: datore di lavoro non esente da responsabilità 

    Responsabilità  penale
    Se l’infortunio determina la morte del lavoratore e risulta legato ad una violazione delle norme per la prevenzione, è prevista la reclusione da due a sei anni. Nel caso di morte di più persone ovvero di una o più persone con lesioni di una o più persone si applica la pena che dovrebbe infliggersi per la più grave delle violazioni commesse aumentata fino al triplo, senza superare i 15 anni. In caso di lesione grave la pena è la reclusione da tre mesi ad un anno o la multa da 500 euro a 2.000 euro. In caso di lesioni gravissime la reclusione è da uno a tre anni. In caso di lesioni di più persone è prevista la sanzione che dovrebbe infliggersi per la più grave delle violazioni commesse aumentata fino al triplo ma la reclusione non può superare i 5 anni.

    Responsabilità  civile
    Il datore di lavoro deve adottare ogni misura utile a garantire il diritto dei lavoratori ad operare in ambiente esente da rischi. Deve, pertanto, osservare pedissequamente ogni disposizione normativa. In ogni caso, sul datore di lavoro non può gravare l’obbligo assoluto di rispettare ogni cautela possibile. E’ necessario, infatti, che l’evento sia riferibile a colpa del datore di lavoro. Pertanto, se il datore di lavoro ha adottato ogni utile provvedimento ma il lavoratore ha messo in pratica un comportamento imprudente questi ha diritto alle prestazioni Inail ma non al risarcimento del danno.

    Responsabilità  amministrativa
    La responsabilità  amministrativa di un ente si ha nei seguenti casi:

    • l’ente ha carattere non territoriale, non pubblico e non di rilievo costituzionale;
    • è stato commesso un reato il cui titolo sia ritenuto espressamente e tassativamente idoneo a fondare responsabilità  dell’ente;

    • sussiste un rapporto qualificato dell’autore del reato con l’ente;
    • il reato è stato commesso nell’interesse o a vantaggio dell’ente.

    Se vuoi aggiornamenti su Infortuni sul lavoro: responsabilità  penale, civile e amministrativa inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. PAVESI EUGENIO dice:

      A LEGGERE LE RESPONSABILITA’ SI E’ TRANQUILLI E QUANDO SONO INTERPRETATE DA CERTI GIUDICI IN PARTE CHE ARRIVANOA EMETTERE SENTENZE E CONDANNE E IN MALAFEDE INTERESSI IMPROPRI – ESEMPIO – SI ESEGUE UN LAVORO SI FINISCE SI SMONTA IL PONTEGGIO INTERNO – IL TUTTO CON TESTIMONI OCULARI E CONFERMANTI -IL DATORE VA IN BANCA A FARE IL PAGAMENTO DEGLI F24 VIENE CHIAMATO X’ UN DIPENDENTE E’ SALITO SULLA COPERTURA DALL’ESTERNO (PREMETTO CHE NON ERA POSSIBILE – DIFATTI I LAVORI LI ABBIAMO FATTI CON STRUTTURA ALL’INTERNO) E’ CADUTO PER CEDIMENTO DI LASTRE
      COME ERA PREVEDIBILE – BENE * S E N T E N Z A * ILDATORE DI LAVORO ERA PRESENTE SUL TETTO CON IL DIPENDENTE E NON HA FATTO NIENTE PER EVITARE
      LA CADUTA PERTANTO COLPEVOLE .
      SE IL DATORE ERA IN BANCA E HA SMONTATO IL PONTEGGIO COME POTEVA ESSERE SUL TETTO E A FARE – LAVORI GIA’ ULTIMATI ….
      GIUDICE MOLTO VALIDO E ATTENTO ALLE MOTIVAZIONI L’UNICA COSA CHE CHIEDE AL DATORE
      *AFFERMANDO CHE LUI E’ PRATICO DEL LAVORO *
      COME DIRE NON MI RACCONTI STORIE PERCHE’ SONO CAPACE DI CAPIRE IL SUO OPERATO – BENE CHIEDE COME SI POSSA FERMARE LE LASTRE DAL DI SOTTO E NON DI SOPRA COME PREVEDEVA lui -PER IL RESTO IL DATORE E’ SOLO UN DEFICIENTE IRRESPONSABILE ED INCAPACE – QUINDI DEVE PAGARE – E VISTO CHE IL DATORE DI LAVORO PER SUA *NEGLIGENZA…* AVEVA
      UNA ASSICURAZIONE R.C.O BENE RADDOPPIAMO I VALORI TANTO (UN CARABINIERE UCCIDE LA MOGLIE CONDANNA €.300.000 CONFESSA ) COSA VUOI CHE SIA METTERE IN CRISI PERSONALMENTE E FINANZIARIAMENTE UNA DITTA- FAMILIARE-
      E COME IN ALCUNI CASI DI SENTENZE PER FALLIMENTI CHE ALCUNI GIUDICI VANNO DRITTI CONTRO L’AZIENDA E QUINDI FANNO FALLIRE PERCHE’ NON PUO’PAGARE LE TASSE ALTRI VALUTANO IL PERCHE’ E RISCONTRANO NELL’IMPOSSIBILITA’ PROBLEMI DI FALLIMENTI DI CLIENTI – DI BANCHE CHE PER NON FALLIRE METTONO IN CRISI LE AZIENDE COPRENDO GLI AFFIDAMENTI CON TRIANGOLI TRA CLIENTI DELLA STESSA BANCA A SCAPITO DELL’ULTIMO NO DEL PRIMO X’ E’ QUELLO A CUI RIMANE IL DEBITO DEGLI ALTRI (FALLITI) E POI ALTRE MOTIVAZIONI CHE IN QUESTI TEMPI RISCONTRIAMO NELSENTIRE GLI SCHELETRI DAGLI ARMADI SCOPERTI TRA I VARI PERSONAGGI E ISTITUZIONI .QUINDI GIUDICI ESEMPLARI *E DA PREMIO VISTO CHE SVOLGONO IL LAVORO CON VALIDA’ INTELLIGENZA E CAPACITA’* PER CHE’ SE HANNO SBAGLIATO NIENTE DI ANORMALE A FINE MESE L’ACCREDITO ARRIVA LO STESSO SE FANNO BENE QUALCHE RICONOSCIMENTO UN INCARICHI DI VALORE SIA PERSONALE CHE ECONOMICO E’ NORMALE – NOI DATORI DI LAVORO …..
      Saluti a tutti

    2. antonio dice:

      alve ho subito un infortunio sul luogo di lavoro ho la possibilità di ottenere il risarcimento di un danno ulteriore a quello corrisposto dall’Inail, qualora sia accertata la responsabilità penale del datore di lavoro.mi spiego infortunio causato da un frullino senza cuffie di protezione che mi ha causato ferite lacero contuse all avambrccio sx e flc terzo grado gamba sx con lesione muscolo quadricipite femorale ma il datore di lavoro a scambiato con un altro frullino come mi devo comportare per avere il risarcimento integrale? grazie spero di avere una risposta saluti.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *