• Windows 7 a ottobre: cosa sceglieranno le aziende, risparmio o fedeltà ?

    Windows 7 a ottobre: cosa sceglieranno le aziende, risparmio o fedelta?E’ mai possibile che Windows 7 rischi di essere un flop ancor prima di essere messo in vendita?

    Atteso in via ufficiale per Natale 2009, ma secondo le ultime voci già  per il prossimo 15 ottobre, a instillare dubbi – non sul prodotto ma sul modello di business - è stata niente meno che Dell, il noto produttore di computer che, per bocca del direttore delle gestione prodotto Darrel Ward, ha sottolineato come il prezzo delle copie OEM di “Seven” distribuite da Microsoft ai costruttori sia molto più elevato di quelle Vista.

    Per renderci conto della misura, Ward ha parlato direttamente alle aziende: Windows 7 Professional costerà  molto più di Windows Vista Business.

    Una tegola in piena crisi economica che potrebbe convincere molti a non effettuare il passaggio a Windows 7. Oppure no?


    Il punto è che ancora la leadership di Microsoft è forte e per passare all’open source le aziende sembrano poco mature. Però a anche vero che, nonostante il nuovo sistema operativo piaccia a utenti e imprese – che considerano Window 7 una valida alternativa a Windows XP, i prezzi troppo alti delle licenze potrebbero a sorpresa frenare la migrazione a Windows 7.

    Il problema esiste: le aziende dovranno dotarsi di più licenze (se costano di più le licenze OEM costeranno di più anche le licenze per i consumatori finali) per aggiornare il parco macchine, andando così a sborsare cifre non indifferenti che, complice la crisi economica, probabilmente non rientrano nel budget a disposizione.
    E allora?

    Eppure, nonostante tutto gli analisti (vedi Gartner) continuano ad insistere sul passaggio diretto da XP a Windows 7 e, dal canto loro, a molte aziende fa più paura cercare altro che spendere di più.

    Non resta che aspettare i prossimi mesi, quando il rilascio sarà  effettivo e le imprese si troveranno dinanzi all’amletica scelta.

    Dunque il lancio di Windows 7 rischia di complicarsi, per volontà  della stessa casa produttrice (Microsoft) che ancora non sembra pronta a ridurre i costi e per reazione degli stessi produttori (come Dell) che temono le conseguenze dirette di questa politica.

    E se davvero la combinazione dei fattori in campo (crisi, sviluppi tecnologici dei competitor, interoperabilità  crescente, offerte altenative sempre più competitive…) ci portasse ad assistere ad un boom di sistemi operativi alternativi come Mac Os X e Linux??!!

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Windows 7 a ottobre: cosa sceglieranno le aziende, risparmio o fedeltà ? inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. marco dice:

      si stanno scavando la fossa da soli W LINUX !!!

    2. Sander dice:

      ” portasse ad assistere ad un boom di sistemi operativi alternativi come Mac Os X e Linux??!! ”

      MacOsX non credo, dovresti comprare anche la macchina e ti costerebbe un botto, rimane per questo un sistema più che altro per privati.(Salvo rare eccezioni)

    3. Filippo Vendrame dice:

      bhe anche Mac Os x si sta diffondendo molto bene, e le quote di mercato lo dimostrano. Certo come dici tu, è necessario cambiare la macchina però in alcuni ambienti aziendali in cui devono anche rinovare il parco macchine gli Apple incominciano ad essere sempre di più…

    4. Massi dice:

      Io in ditta ho da poco comprato delle macchine nuove con Vista biz preinstallato… Ma ho reinstallato windows XP del quale ho ancora le vecchie licenze e la differenza rispetto a Vista è immensa. Posso dire che gli effetti grafici di vista e seven sono davvero belli ma in azienda si cerca la semplicità . Quindi la mia unica soluzione resta windows XP, completo e per la mia esperienza, sufficentemente sicuro.
      In quanto a OS X… troppo caro!
      Mentre Linux invece resta bello ma inadatto per i programmi che utilizzo (sprig sq, pervasive, ecc…)

    5. Stefano dice:

      I computer della apple hanno un costo troppo elevato per le aziende che invece preferiranno tenersi il loro vecchio hardware ed installarci sopra un comodo ed affidabile sistema operativo come linux :)

    6. EJurlaro dice:

      A cosa servono gli effetti grafici, le trasparenze, ecc. ecc.; quando il fine è emettere una fattura o registrare un incasso ? Ma veramente il computer in azienda deve essere un giocattolo bello, colorato e con le stelline sullo schermo ? Francamente ancora non riesco a capire come mai Microsoft progetta i S.O. Server con un kernel grafico minimale ed efficientissimo, e poi riempie i S.O. desktop di ‘ciarpame’, forse inutile ma certamente ‘zavorra’. Perchè tra il proliferare di versioni, anche costose, non si prevede una versione ‘leggera’ ?
      O meglio si potrebbe creare uno ‘switch software’ per spegnere tutte le cose inutili o inutilizzate …. Mah forse perchè tutto l’inutile contribuisce ad aumentare il costo per l’utente ?

    7. gufetto dice:

      Definire “efficientissimo” il kernel grafico di Win server mi pare un pochino azzardato…. efficienza è sinonimo di Unix, compatibilità  di MS…. diciamo che i sistemi server MS sono ottimizzati per i servizi… a parità  di macchina le performance dei vari Unix sono ben altre

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *