• La sicurezza in ambito Cloud: dubbi e chiarimenti

    La sicurezza in ambito Cloud: dubbi e chiarimentiPer il mondo delle applicazioni cloud, un’attenzione particolare è oggi rivolta al tema della sicurezza, non solo per i singoli utenti ma anche e soprattutto per le aziende che decidono di affidare dati e processi ad applicazioni sviluppate e distribuite attraverso il cloud computing.

    Una delle aree più complesse è la gestione dell’identità , specie per quelle transazioni che coinvolgono passaggi di denaro come l’e-commerce o più in generale i pagamenti online.


    I problemi legati alla gestione dell’identità  assumono nuove valenze quando li si contestualizza in applicazioni che girano su iPhone, Droid o Galaxy.

    Ad oggi infatti non si è ancora consolidata una giurisdizione, ovvero non è ancora sufficientemente chiaro chi controlla cosa gli utenti possono o non possono fare nella nuvola.

    Il prossimo 18 luglio, presso il Convention Center di Keystone in Colorado, si terrà  il Cloud Identity Summit 2010>, evento clou di settore, con l’obiettivo di fornire indicazioni chiare in merito.

    Concetti come il linguaggio XACML, Consumer ID, utilizzo delle identità  social sono alcuni dei temi chiave che saranno discussi durante i 4 giorni della kermesse statunitense.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su La sicurezza in ambito Cloud: dubbi e chiarimenti inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Enrico dice:

      Visto che si parla di cloud computing, credo che possa essere utile e interessante l’evento dedicato del prossimo 7 aprile: Nextvalue e CIOnet.com presentano infatti a Milano i risultati della ricerca condotta sul Cloud Computing.
      Credo sia interessante partecipare perchè già  da alcuni dati offerti nell’anticipazioni della ricerca escono rivelazioni importanti: ad esempio ben il 60% dei 300 CIO intervistati in Europa ha dichiarato di aver avviato progetti e iniziative in Cloud nel 2011. Sembra che stia davvero prendendo piede!
      Qui un Video dell´evento http://goo.gl/ZGKRD, e qui il sito per registrarsi, http://goo.gl/Xhcqb. Io ci vado!

    2. Enzo R. dice:

      Non ho dubbi che prenderà  piede, tuttavia il problema della riservatezza resta: sotto quest´aspetto, l´innovazione che caratterizza il mondo ICT ha una rapidità  di sviluppo che va di pari passo con l´assenza di garanzie atte a sostenere lo sviluppo stesso.

    3. Sergio F. dice:

      Il problema della discrepanza tra tecnologia e normativa – in particolare in campo cloud – è un tema ricorrente: ho letto recentemente un post – sulla community IBM a cui collaboro – molto interessante su questo argomento, che auspicava una “normativa più realistica che capovolga il paradigma dell´attuale modello di controllo: da un modello pubblico centralizzato ad un modello privato e distribuito, che si appoggi cioè su una rete di fornitori di servizi che si facciano essi stessi garanti con un insieme di regole comuni e condivise”.

      Il post completo – la seconda parte è quella a cui mi riferisco – è qui: http://www.theinfoboom.com/articles/tecnologia-e-normativa-le-due-facce-del-cloud/

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *