• Spam: bloccato uno dei più grandi network mondiali

    Nei giorni scorsi è stato fatto un enorme passo in avanti nella lotta contro lo spam in tutto il mondo. L’agenzia americana che si occupa di combattere contro le truffe per i consumatori e per gli utenti di Internet in generale, la Federal Trade Commission, ha comunicato qualche giorno fa di essere riuscita a far chiudere una delle principali reti di computer del mondo che si dedicava interamente ad effettuare operazioni di spam.

    Non si tratta di qualcosa da poco, dato che la FTC ha ammesso che il network in questione, chiamato Spam Ring, agiva, prima di essere scoperto e bloccato definitivamente, in Cina, India, Canada, Australia, Stati Uniti e Nuova Zelanda, con un giro di email pubblicitarie in tutto il mondo di circa un terzo della posta elettronica presente in totale attualmente.

    La rete in questione non solo metteva in circolazione una grandissima parte delle mail che girano su Internet che pubblicizzano prodotti farmaceutici o fantomatici sostanze che aiutano a stare meglio e in forma, ma realizzava anche veri e propri siti-truffa di false farmacie capaci di vendere medicine facendosi pagare profumatamente con carta di credito.

    Adesso, dopo il blocco delle attività illegali, anche l’Fbi ha aperto un’inchiesta sul caso e la Corte Federale di Chicago ha avviato un’ingiunzione temporanea. Insomma, quella che è avvenuta un po’ di giorni fa è stata una vera e propria conquista importantissima che probabilmente avrà un forte impatto nella quantità di mail spam che circoleranno da oggi in poi.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Spam: bloccato uno dei più grandi network mondiali inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Carlo dice:

      Era ora! … di veder succedere qualcosa che impedisse a questi CRIMINALI di continuare a causare tanti danni su Internet

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *