• Quando il phishing arriva via posta tradizionale

    Mi è successo ieri: apro la mia casella di posta (quella tradizionale non quella elettronica) e mi trovo della corrispondenza proveniente dalla Jamaica. Incuriosito apro immediatamente la busta e trovo una lettera, indirizzata a me con i dati di uno dei miei domini che sta per scadere. Il mittente è la DROA: Domain Registry Of America.

    Di cosa mi informa la mail? Dice semplicemente di inviare i propri dati bancari per il rinnovo del dominio che sta per scadere. Utile no? Soprattutto se si hanno molti domini da gestire e non ci si ricorda quando scadono.

    Facendo una ricerca velocissima in rete, non si tarda a comprendere la natura fraudolenta di tale proposta. Ci imbattiamo in parecchi post e articoli che trattano il fenomeno definendolo slamming. Cosa fare dunque della lettere ricevuta? Cestinarla senza nemmeno pensarci.

    Qualcuno di voi ha mai ricevuto qualcosa di simile? Su servizi di photosharing come Pixagogo è possibile visualizzare una scansione completa della lettera che viene inviata a molte utenze.

    Dubito che la DROA sia l’unica “associazione” che utilizza questo approccio, ma penso che sia sicuramente una delle più diffuse in ambito internazionale.

    Adesso il phishing e lo SPAM ci perseguitano anche nelle caselle di posta tradizionali. È necessario, oggi più che mai, tenere gli occhi aperti sempre e comunque e non farsi ingannare da pratiche che sono poco usate o poco impiegate. Occhi aperti: sempre.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Quando il phishing arriva via posta tradizionale inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Sconvolgente…
      Non mi è mai capitato, ma credo che comunque non avrà una diffusione così elevata.. i costi di “gestione” di una truffa del genere sono comunque molti. E non credo che riuscirebbero nemmeno a recuperare quello che spendono, soprattutto se si tratta di lettere provenienti dall’estero!

    2. Si…
      Sono rimasto sconvolto anche io… Non mi era mai capitata una cosa del genere…
      Concordo in linea di massima con quello che dici, ma sottolineerei un punto fondamentale: i costi di gestione sono molto elevati, ma quanto è efficace la cosa?
      Ti arriva qualcosa indirizzato direttamente a te, con dati bene o male non del tutto pubblici…
      E` sicuramente più facile cascare in una truffa del genere che in tremila mail di “Bancoposta: rinnova l’account password, etc.”

      Sbaglio?

    3. si, infatti.. hai perfettamente ragione!
      è una nuova forma di “phishing”, che nessuno si aspetterebbe. e proprio per questo diventa ancora più efficace! curiosamente è una forma di phishing fatta in modo molto “tradizionale”! cosa c’è più tradizionale della busta di carta…?! :-)

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *