• Xserve Apple: per molti ma non per tutti…

    xserve apple

    Nelle scorse settimane, Apple ha messo in vendita nel proprio store online la nuova gamma di server basati sul S.O. Mac Os X Server.
    Cerchiamo di fare il punto sulle novità , per capire fino a che punto un potenziale investimento in questo senso si motiva in una Piccola e media impresa, che deve necessariamente contare su una buona dotazione tecnologica per “fare business” a livello competitivo, ma che non sempre dispone delle risorse economiche necessarie a destinare ingenti somme al budget hardware.

    I nuovi Xserve di Apple presentano come novità  l’adozione delle nuove Cpu di Intel “Nehalem” già  viste di recente sui nuovi Apple Mac Pro.

    Queste Cpu rappresentano in termini di prestazioni un notevole progresso grazie all’adozione dell’ Hyper-Threading che permette l’esecuzione simultanea di due thread su ciascun core e del Turbo Boost che aumenta le prestazioni a seconda del carico di lavoro richiesto.

    Cuore di questi server è il sistema operativo Leopard Mac Os X Server che si differenzia da quello dei computer consumer di casa Apple solo per il parco software pre installato.
    Infatti il kernel del sistema operativo è lo stesso di Leopard che troviamo per esempio nei MacBook.

    Mac Os X Server è indicato prevalentemente per l’uso in aziende di medie dimensioni che necessitino di un sistema solido e potente come valida alternativa ai classici server Linux o Windows.
    Con Mac Os X Server avremo a disposizione:

    • Server di stampa remoto
    • Server Ldap
    • Mail Server
    • Web Server
    • Gestione di reti Vpn
    • Server iCalc
    • Strumenti di manipolazione video avanzati per la creazione di podacast

    Gli Xserve sono pienamente configurabili al momento della procedura d’acquisto e vengono venduti in due varianti:

    • Xeon Quad-Core da 2,26 GHz – 3 GB di memoria – Modulo unità  Serial ATA da 160 GB e 7200 rpm – Scheda Grafica NVIDIA GeForce GT 120
    • Due Intel Quad-Core Xeon da 2,26 GHz – 3 GB di memoria – Modulo unità  Serial ATA da 160 GB e 7200 rpm – Scheda Grafica NVIDIA GeForce GT 120

    Prezzi come al solito molti alti, ma che rispecchiano l’alta qualità  dei prodotti Apple. Il prezzo base degli Xserve è infatti di 2.899 euro.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Xserve Apple: per molti ma non per tutti… inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. stefano dice:

      fatevi un giro sul sito della dell per capire quello che state comprando!

      L’hardware si è standardizzato moltissimo! Ormai montano tutti praticamente le stesse cose!

      Prezzi troppo alti…

    2. Mi vorresti paragonare un dell a un server apple? Ma sai il significato di Architettura di un elaboratore?

    3. Filippo Vendrame dice:

      La scelta di un server dipende anche molto dall’uso che se ne deve fare.
      I server Apple sono sicuramente tra i migliori e offrono soluzioni tecniche di spessore.
      Tuttavia sicuramente sono da consigliare a chi necessita di una macchina potente, scalabile e completa.

      Se dobbiamo configurare solo un serverino di dominio per 3 computer o un piccolo server di posta elettronica, possiamoa nche rivolgerci ad altre soluzioni più economiche

    4. Fabio dice:

      Concordo. Ma il paragone era differente.

    5. stefano dice:

      “Ma sai il significato di Architettura di un elaboratore?”

      No (non sono ironico). Dico sul serio…
      Tutta questa differenza di prezzo davvero non la capisco… Se me la spieghi te ne sono grato. ;)

    6. Fabio dice:

      Apple usa un’architettura proprietaria che funziona in maniera “archietturale” differentemente da altri sistemi, per esempio già  la ram apple è differente da una normale, ci sono tanti brevetti dietro, cosi come apple, Ibm, Sun e varie ed eventuali. La differenza di prezzo è data dall’unicità  dell’architettura e ovviamente anche dal marchio.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *