• Contabilità  semplificata e regime dei minimi

    Contabilità  semplificata e regime dei minimiCon il Dl 70/2011 (Decreto Sviluppo), convertito dalla legge 106/2011, è stato previsto, per effetto dell´innalzamento delle soglie di ricavi, un ampliamento della platea dei contribuenti che possono accedere al regime contabile semplificato di cui all´articolo 18 del Dpr 600/1973. Regime al quale possono accedere gli ex-minimi, ovvero coloro che dopo la Riforma sono fuoriusciti dal Regime dei Minimi.

    => Leggi la Guida alle cause di esclusione dal Regime dei Minimi

    Regime contabile agevolato

    Il Dl, convertito dalla legge 106/2011, prevede un ampliamento della platea dei contribuenti che possono accedere al regime contabile semplificato di cui all´articolo 18 del d.p.r. 600/1973.

    Secondo le nuove regole possono accedere al regime le società  di persone e le persone fisiche, esercenti attività  di impresa, che abbiano conseguito un ammontare di ricavi non superiore a 400.000 euro, per le imprese aventi a oggetto prestazioni di servizi, e a 700.000 euro, per le imprese aventi per oggetto altre attività , precedentemente le soglie erano fissate in 309.874,14 e in 516.456,90 euro.

    => Consulta la Guida ai regimi contabili agevolati

    Restano peraltro invariati i limiti di volumi d´affari per i quali è possibile fruire delle semplificazioni ai fini IVA, come, ad esempio, delle liquidazioni periodiche con cadenza trimestrale anziché mensile.

    Regime dei Minimi

    Con riguardo, invece, ai contribuenti minimi, la normativa prevede che a partire dal 2012 possano accedere al regime le persone fisiche in possesso dei requisiti previsti dalla previgente normativa e che intraprendono un´attività  d´impresa, arte o professione ovvero che hanno iniziato un´attività  dopo il 2007.

    => Consulta i requisiti di accesso al Regime dei Minimi

    Il regime agevolato può essere adottato solo per il periodo d´imposta in cui l´attività  è iniziata e per i quattro successivi.

    In sede di conversione del decreto legge è stato previsto che si potrà  fruire del regime agevolato anche oltre il quarto periodo di imposta successivo a quello di inizio dell´attività  ma, comunque, non oltre il periodo di imposta di compimento del trentacinquesimo anno di età .

    Il contribuente, infatti, non deve aver esercitato, nei tre anni precedenti, attività  artistica, professionale ovvero d´impresa, anche in forma associata o familiare, né può proseguire altra attività  precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo.

    => Leggi come il Regime dei Minimi aiuta a fare impresa

    L´imposta, sostitutiva dell´imposta sui redditi e delle addizionali regionale e comunale, è stata infatti ridotta dal 20 al 5 per cento.

    Restano, inoltre, confermate l´esenzione dall´Irap, la non applicazione dell´IVA e le agevolazioni contabili.

    => Vai allo speciale Regime dei Minimi

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Contabilità  semplificata e regime dei minimi inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Main Office dice:

      Molto interessante! Questo sito è molto competente e trovo sempre notizie complete e chiare.

      Main Office

    2. gennaro dice:

      salve
      volevo sapere sto in contabilità semplificata
      e ho un volume d’affari non superiore 15000,00
      per passare a contribuente minimo come calcolare anni indietro per le attrezzature e le rimanenze?
      aspetto notizie
      distinti saluti

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *