• Detrazioni prima casa illegittime: reponsabile il compratore

    immobili.jpgSe su una compravendita immobiliare si paga l’aliquota agevolata del 4% (il cosiddetto “beneficio prima casa”, applicabile solo alle abitazioni non di lusso come da Dpr 633/1972Tabella A, punto 21) che dovesse risultare illegittima, il Fisco recupererà  la differenza rivolgendosi all’acquirente e non al venditore.

    Lo stabilisce l’ordinanza n.18378 del 26 ottobre 2012 della Cassazione, rigettando un ricorso in materia:

    => Leggi come cambia l’IVA sugli immobili con il decreto Sviluppo

    Il Fisco, in questi casi, chiederà  ai nuovi acquirenti di pagare la differenza d’imposta fra l’aliquota erroneamente applicata (4%) e quella dovuta (21%), applicando in aggiunta la relativa sanzione del 30%.

    La Cassazione ha richiamato una precedente sentenza (Cassazione 26259/2010), in base alla quale l´applicazione dell´aliquota ridotta non costituisce un obbligo del venditore, ma un diritto soggettivo dell’acquirente.

    Fra l’altro, la sua dichiarazione di voler fruire del beneficio fiscale istituisce un rapporto giuridico diretto ed esclusivo con l’amministrazione finanziaria.

    Ricordiamo che la tariffa agevolata del 4% sull’acquisto della prima casa riguarda solo gli immobili venduti da imprese costruttrici: se si acquista da un privato, si paga un’imposta di registro del 3%.

    Se vuoi aggiornamenti su Detrazioni prima casa illegittime: reponsabile il compratore inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *