• Condanne per SPAM: purtroppo o per fortuna?

    Leggo su Webnews di una condanna a 2 anni per SPAM. Dove? In America ovviamente.

    La notizia mi offre uno spunto per continuare la discussione che avevamo già avviato con diversi post sull’argomento “Pene da infliggere agli spammer”.

    L’uomo, in questo caso, è stato condannato a oltre due anni di reclusione per aver inondato di spazzatura i server di AOL (America On Line) causando disagi ad oltre un milione e duecentomila abbonati.

    La legislazione Americana, lo sappiamo bene, è molto differente da quella Italiana e permette una “mobilità maggiore” in grado di adeguarsi alle situazione nuove e impreviste. Il che (come per tutte le cose) ha dei pregi e dei difetti.

    Ecco dunque che le autorità statunitensi hanno dato il via al CAN-SPAM Act nel 2003.

    Ma non siamo qui per parlare di legislazione e diritto. Mi piacerebbe avere il vostro parere a riguardo. Cosa ne pensate? Cosa credete che comporterà la condanna? Ma anche: credete che sia lecito punirli così duramente?

    Secondo me la condanna è sicuramente adeguata, o meglio, a mio parere è corretto punire i criminali informatici con questo tipo di condanne, il tutto sta nello stabilire il giusto metro di giudizio in modo che le pene siano commisurate ai crimini e non siano di entità maggiore o minore.

    Il segno che tutto questo avvenga è sicuramente una spia del fatto che la consapevolezza stia mutando. La rete non è più intesa come un qualcosa di prettamente ed esclusivamente virtuale, ma le sue ripercussioni su quella che è la vita reale si sentono e sono sempre più forti.

    In che modo questo si concretizza, nel bene (vediamo i fenomeni di qui spesso parliamo su questo network: blog, web 2.0, social media, social network, etc.) e nel male (con queste condanne).

    Il fatto che la consapevolezza cambi è, secondo me, un fatto assolutamente positivo che fa da preludio ad un cambiamento, un cambiamento che però non è improvviso ma lento e graduale.

    Forse non si tratta di nulla di particolarmente sconvolgente, ma queste condanne sono comunque un qualcosa da tenere in considerazione e da non sottovalutare.

    Forse sono troppo ottimista o utopista. In ogni caso, valutate voi. Mi piacerebbe sapere se vedete la possibilità dell’inizio di un nuovo periodo oppure pensate che tutto questo non serva assolutamente a nulla.

    Se vuoi aggiornamenti su Condanne per SPAM: purtroppo o per fortuna? inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Marotochi dice:

      Personalmente penso che lo spam sia qualcosa di davvero “pericoloso” (informaticamente parlando) perché pur essendo un’attività che per il singolo utente risulta essere “solo” disturbo, il danno causato è molto più oneroso sia in termini di costi (sostenuti dai gestori dei servizi di posta) che dalla qualità di INTERNET stessa che ne risulta irrimediabilmente saturato e conseguentemente rallentato, in poche parole, anche se a me non arrivato spam inviato dal tizio incriminato, in modo indiretto e molto lieve ne sono stato danneggiato anche io. La Legge italiana dovrebbe creare un ramo dedicato ai diriti e doveri relativi del Web perché le procedure e le leggi attuali non sono in grado di tenere il passo che il WEB sempre più spesso dimostra di avere.

    2. E` vero: molto spesso si tende a considerare solo il danno che ne ricaviamo noi in termini personali.
      Ricevo dello SPAM -> lo cestino.

      Il punto è che lo SPAM a livello globale comporta un sacco di spese, aumenta la banda impiegata per l’uso della posta elettronica, i server vengono intasati per nulla e via dicendo.
      Senza considerare il tempo che viene materialmente “buttato nel cestino” per eliminare le mail di spam: tempo che si concretizza in una perdita di tempo e di denaro soprattutto in contesti business.

      Nell’articolo comunque avevo posto più l’accento sulla mancanza di una chiara regolamentazione e su quali dovessero essere le pene per gli spammer. Opinioni?
      Meglio multare oppure il carcere è legittimo?

      Buona giornata : )

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *