• Mappe mentali: organizzare e rappresentare idee e lavoro

    Mappe mentali: organizzare e rappresentare idee e lavoroPiù o meno tutti sappiamo cosa siano le mappe mentali – o concettuali – che spesso ci fanno studiare in ambito accademico o scolastico.
    Non tutti però, forse, ne riconoscono le potenzialità  dal punto di vista lavorativo. Perché dovremmo rappresentare conoscenze e idee in questo modo, anziché in semplici elenchi o in semplici schemi?

    E ancora: per quale motivo dovremmo impiegarle al lavoro? Che cosa potremmo guadagnarci? E a quali soluzioni ricorrere?

    Cominciamo dicendo che mappe mentali e mappe concettuali non sono propriamente sinonimi ma le due opzioni presentano alcune differenze. Se una privilegia le relazioni, l´altra evidenzia i concetti nella loro unicità .

    Ma veniamo al dunque: a cosa servono? Le mappe organizzano la conoscenza, esplicitando le connessioni presenti tra i vari concetti e tra le varie aree logiche.
    Le mappe permettono di rappresentare visualmente un problema, una serie di concetti, un determinato ambito, e permettono di scoprire nuove idee e nuove soluzioni che non si erano precedentemente considerate.
    Attraverso una mappa abbiamo immediatamente sott’occhio tutti i collegamenti presenti tra i vari nodi centrali, e questo può aiutarci ad assumere nuovi punti di vista, oltre a riconsiderare le questioni da prospettive più interessanti e produttive.

    E´ chiaro che i risvolti positivi di questo modo di lavorare possono essere particolarmente utili nel caso di ambiti come il project management o la formazione aziendale, dove strumenti come questi sono ampiamente utilizzati.

    Per cominciare a farsi un´idea su questo mondo possiamo ricorrere a due dei tanti strumenti 2.0 che la rete mette a nostra disposizione: MindMeister e Mindomo per esempio, oppure ricorrere a software specifici, come C-Map.

    Provare non costa nulla, imparare a essere versatili rappresenta sicuramente un punto da non sottovalutare, e questa potrebbe essere un’utile occasione da cogliere. Si tratta di un interessante valore aggiunto che può permettere di lavorare in maniera più produttiva ed efficace.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Mappe mentali: organizzare e rappresentare idee e lavoro inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Conordo pienamente sull’uso delle mappe mentali, uno strumento di sintesi efficace e indispensabile nell’era della complessità .

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *