• Cdp-ABI: al via la seconda tranche da 5 miliardi di euro per le Pmi

    finanziamenti.jpgL’Associazione Bancaria Italiana (ABI) e la Cassa depositi e prestiti (CDP) hanno firmato oggi una nuova Convenzione che definisce i criteri di ripartizione e di impiego della seconda tranche da 5 miliardi di euro – aumentata degli eventuali residui al 28 febbraio 2010 della prima tranche da 3 miliardi – del plafond complessivo di 8 miliardi di euro messo a disposizione da CDP per il sostegno delle imprese di piccola e media dimensione (Pmi).

    Il plafond erogato dalla CDP alle banche può essere utilizzato unicamente per il finanziamento delle Piccole e medie imprese operanti in Italia che occupano meno di 250 persone, il cui fatturato annuo non supera i 50 milioni di euro oppure il cui totale di bilancio annuo non supera i 43 milioni di euro, come indicato nella Raccomandazione della Commissione Europea del 6 maggio 2003 relativa alla definizione delle microimprese, piccole e medie imprese (2003/361/CE).

    Siglata lo scorso 28 maggio 2009, la convenzione originale fissava in 5 anni la durata del piano di rimborso del finanziamento CDP-banche e destinava una quota del 15% del primo plafond al sistema delle banche di credito cooperativo.

    Il nuovo accordo permetterà  alle banche, già  dal 1° marzo 2010, di sottoscrivere nuovi contratti di finanziamento con CDP ed evitare interruzioni nella concessione dei finanziamenti alle aziende erogati attraverso la provvista della Cassa.

    Esso, inoltre, apporta alcune novità  che riguardano la ripartizione del plafond, il periodo di contrattualizzazione e la durata della provvista CDP.

    Anzitutto, per quanto riguarda i fondi, la seconda tranche verrà  ripartità  nelle seguenti tre quote:
    - una prima quota, di importo pari a 3 miliardi di euro, verrà  assegnata in funzione della porzione di mercato di ciascun istituto di credito nei confronti delle Pmi – aggiornata al 31 dicembre 2009, come già  previsto per la prima tranche; viene inoltre confermata anche la percentuale del 15% riservata al sistema del credito cooperativo.
    - una seconda quota, detta quota premiale, pari all´ammontare della prima tranche eventualmente rimasta inutilizzata al 28 febbraio 2010, sarà  ripartita tra le sole banche che avranno utilizzato, anche parzialmente, la porzione della prima tranche loro destinata;
    - una terza quota, pari a 2 miliardi di euro, sarà  destianta a sportello, a disposizione
    delle banche che avranno esaurito le quote precedenti dalle stesse opzionate, nel rispetto
    di alcuni limiti di concentrazione. Le risorse della cosiddetta “Quota a Sportello” si incrementeranno degli eventuali residui non utilizzati sulla prima quota e su quella premiale.

    Per quanto concerne il periodo di contrattualizzazione, le banche avranno a disposizione quattro mesi, dal 1° marzo al 30 giugno 2010, per sottoscrivere i nuovi contratti di finanziamento con CDP. Per la prima quota e per la quota premiale il periodo di utilizzo terminerà  il 28 febbraio 2011, per la quota a sportello il 28 febbraio 2012.

    Per rendere più flessibile lo strumento, infine, sono previste scadenze a 3, a 5 e a 7 anni che comportano una diversa articolazione della struttura di rimborso.
    Il preammortamento potrà  oscillare da 1 a 3 anni sulle scadenze più lunghe, a scelta delle banche ed il costo per quest’ultime varierà  in funzione della durata prescelta e della loro struttura economico-finanziaria patrimoniale.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Cdp-ABI: al via la seconda tranche da 5 miliardi di euro per le Pmi inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *