• Scadenze fiscali: acconto IRPEF, IRAP e IRES entro 1° dicembre

    PagamentiArchiviato il capitolo delle imposte immobiliari con il pagamento di TASI, TARI e IMU, si ritorna a parlare di tributi e questa volta lo facciamo con le imposte sul reddito delle persone fisiche e delle società. Già, perché entro il prossimo 1 dicembre (la scadenza naturale del 30 novembre cade di domenica) si dovrà provvedere al pagamento degli acconti IRPEF, IRES e IRAP. Una batosta che, come ogni anno, colpisce imprese e lavoratori dipendenti.

    => Scadenze fiscali di novembre: versamenti e adempimenti

    Sono giorni infuocati questi. Come ogni anno, d’altronde. E anche per questo fine 2014 non poteva mancare il tradizionale appuntamento con il versamento degli acconti delle imposte. Che poi, continuare a chiamarli acconti è pure imbarazzante visto che ammontano al 100% per l’IRPEF e addirittura al 101,5% per l’IRES e l’IRAP. Tuttavia, occorre pagare. E questo entro il prossimo 1 dicembre poiché il termine naturale del 30 novembre cade di domenica.

    E oltre ai già citati acconti IRPEF, IRES e IRAP c’è da versare anche l’IVIE ossia l’imposta che colpisce gli immobili situati all’estero; l’IVAFE ossia l’imposta che colpisce gli investimenti finanziari all’estero; la cedolare secca ossia l’imposta sulle locazioni; i contributi Inps per commercianti, artigiani e iscritti alla gestione separata. Tutto questo entro il 1° dicembre.

    => Calendario fiscale: le proposte dei commercialisti

    L’acconto IRPEF va versato se nel rigo RN33 del modello Unico 2014 è indicato un valore superiore a 52 euro. In questo caso occorre versare il 100% di tale importo. E’ necessario, tuttavia, tenere conto di eventuali acconti già versati entro lo scorso 16 giugno. Per l’IVIE e l’IVAFE il calcolo deve essere effettuato sul valore indicato alla colonna 1 dei righi RW6 e RW7. Anche in questo caso la quota di acconto è pari al 100%. Quanto a IRES e IRAP l’acconto sarà molto più salato poichè pari al 101,50%.

    Prima di concludere, una precisazione. Il pagamento delle imposte va effettuato con modello F24 cartaceo in banca o alla posta. I soggetti in possesso di Partita IVA o con F24 il cui importo da pagare è superiore a 1.000 euro ovvero in caso di compensazioni dovranno presentare il modello F24 telematico a mezzo home banking, Entratel o Fisconline.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Scadenze fiscali: acconto IRPEF, IRAP e IRES entro 1° dicembre inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. paola migliore dice:

      spero sia utile

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *