• Windows, Mac, Linux: vantaggi e svantaggi dei 3 sistemi operativi

    Linux, Mac, Windows assieme?Prima della scelta del software gestionale, e ancora prima della scelta dell’hardware, viene quella del sistema operativo. Non vi devo certo venire io ad insegnare che la concorrenza è la cosa migliore per un utente, e mai come di questi tempi la scelta dell’OS, precedentemente unilaterale, inizia a farsi, perlomeno, interessante.

    In questi giorni ho avuto l’occasione di utilizzare tutti e 3 i principali sistemi Operativi: parlo di Linux, Mac e Windows (politicamente in ordine alfabetico), e ne ho potuto apprezzare pregi e difetti.

    Premetto che la mia analisi è del tutto personale, ma spero che in qualche modo possa tornare utile a chi non si sente soddisfatto della propria scelta attuale, magari forzata. Ma bando alle ciance…

    La descrizione è volutamente asettica e schematica, in modo che ognuno possa fare le proprie dovute conclusioni. Come detto primaPartiamo in ordine alfabetico

    Linux

    Pregi: Gratuito, libero (nessun problema di licenza), altamente modificabile e quindi personalizzabile, veloce, sicuro.

    Difetti: Supporto Hardware non sempre perfetto, impossibilità  di usare programmi diventati oramai lo standard, poca presenza di software gestionali.

    Punti di forza/debolezza: Nell’applicazione Server non ha ancora rivali, anche grazie alla sua compatibilità  con client con diversi sistemi operativi (vedi Samba) e al pieno sfruttamento dell’hardware, oltre che alla sicurezza. Inoltre non comporta spesa alcuna per l’azienda. E’ ancora però prematuro utilizzarlo come client.

    Possibile utilizzo: Server

    Mac

    Pregi: Sistema Operativo concepito appositamente per l’hardware, applicativi estremamente professionali (soprattutto nel campo multimediale), molto veloce, sicuro

    Difetti: Prezzo, pochi applicativi utili in azienda al di là  del multimedia

    Punti di forza/debolezza: Multimedia = Mac, poco da fare. Se bisogna lavorare con filmati o grafica (soprattutto quest’ultima ad oggi è fondamentale anche per dare una buona immagine all’azienda) un Mac fa la differenza. Tuttavia se fossi un impiegato non considererei nemmeno l’utilizzo di un computer Apple, dato che il discorso sui programmi è lo stesso di Linux, forse ancora più estremizzato.

    Possibile utilizzo: Lavoro Multimediale

    Windows

    Pregi: Tutti gli applicativi standard girano su Windows, compatibile con quasi tutto l’hardware sul mercato, ad oggi la stragrande maggioranza delle applicazioni è concepita per Windows. Quindi: flessibilità 

    Difetti: Meno sicuro delle altre due piattaforme, prestazioni lievemente inferiori, necessità  di programmi di protezione quali antivirus e simili

    Punti di forza/debolezza: C’è un vantaggio fondamentale nell’utilizzare Windows, e cioè poter usare gli applicativi migliori ad oggi disponibili in quasi tutti i campi, soprattutto in quello gestionale. Peccato che questa piattaforma sia ad oggi più insicura delle due precedenti.

    Possibile utilizzo: Client Generico

    Premetto: il mio discorso non è del tipo “questo OS è meglio”. Ho cercato un’analisi il più obiettiva possibile. Aggiungete anche le vostre opinioni per rendere questo post ancora più utile, anche per me.

    Intanto vi dò la mia: non c’è un sistema operativo migliore dell’altro. Ma ricordate il discorso sulla concorrenza? E allora perché un’azienda non potrebbe avere dei server basati su Linux che dialogano con dei Client che fanno girare Windows, e un paio di Mac per il design del vostro sito web o del vostro logo?

    Così si otterrebbero tutti i vantaggi di ogni piattaforma, annullandone (quasi) gli svantaggi. E sono proprio curioso di sentire la vostra.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Windows, Mac, Linux: vantaggi e svantaggi dei 3 sistemi operativi inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. stefano dice:

      penso che più che personale la tua descrizione sia OGGETTIVA.

      Ad oggi molte aziende che conosco hanno server linux specialmente i web-server (vedi apache). Ovviamente i client tutti windows.

      Mac non è per il mondo aziendale che non fa multimedia.

      Anche se il futuro dei gestionali/ERP è quello di applicazioni web-based…
      Con questa premessa, cosa cambia tra i vari sistemi operativi? ormai tutti supportano browser!
      Il problema a venire sarà  rendere più efficienti i vari Firefox, IExplorer, Safari, Opera……

    2. Christian dice:

      Secondo me seinizieranno a prendere piede i gestionali/ERP web-based il Mac potrà  giocare le proprie carte: TCO bassissimo, meno stress per chi li usa, velocità  di apprendimento, sicurezza.

    3. ajkain dice:

      il futuro è open quindi gnu/linux

    4. Dario Freddi dice:

      @stefano: grazie per il commento :) Se il futuro fosse veramente web-based comunque molte considerazioni sarebbero da rivedere, e andrebbero a vantaggio di Linux senza dubbio.

      @Christian: ovviamente stesso discorso anche per il Mac, anche se comporta una spesa maggiore.

      @ajkain: magari :)

    5. SnarceZ dice:

      finchè non crolla il cartello per cui tutti i software privati sono solo per microsoft il mercato non sarà  mai concorrenziale…

      se iniziassero a farli scritti in unix credo che il mondo propenderebbe verso linux per il client (ubuntu ormai è user friendly come xp) e apple per il resto

    6. Igor dice:

      Vedo che punti l’attenzione sul gestionale. Diverse sw house a carattere nazionale li hanno anche per linux (e unix). Personalmente li installo da anni senza nessun problema, anzi solo con vantaggi. Sono l’ideale proprio per questi programmi. Li installi e poi te ne dimentichi fino a che, dopo 5 anni, diventano “lenti”. BB

    7. Ercole dice:

      Installando X11 su MAC OSX si può far girare tranquillamente tutto il sw unix – che se non sbaglio da poco più di 30 anni è il sistema operativo di scelta per applicativi aziendali seri, con milioni di clienti, fatture, record. Inoltre la piattaforma unix è quella di scelta per interfaciarsi con i db oracle… Il sw aziendale NON è solo word + excel (peraltro openoffice e neooffice fanno un ottimo lavoro). Se invece si dice che la politica di licenza eula di MS negli anni ha invaso il mercato, il discorso non è più tecnico: ma è possibile anche acquistare il computer SENZA sistema opeativo, ed installare quello che uno vuole (recente sentenza, vedi sito http://www.ADUC.it). Comunque, fossi un tecnico di assistenza, lasciatemi Windows per il pane (e salame) quotidian e abbondante.

    8. ethux dice:

      Concordo quasi totalmente con quello che hai scritto.Vorrei aggiungere che Gnu/Linux è un pochino più difficile nella configurazione della macchina,anche se alla fin fine si riesce a far girare tutto;ma questo ripaga nel fatto che si impara.I mac oltre per il campo multimediale vanno forti anche per il design,molti li comprano soprattutto per quello,anche se i prezzi di un mac rispetto ad un pc restano molto gonfiati.Windows ormai detiene un monopolio che si è creato negli anni,ma il livello di stabilità  e di sicurezza resta ancora basso specialmente per XP e per il fatto che è l’os maggiormente diffuso.Inoltre molto sono scontenti di Vista e delle politiche di DRM che implementa.Credo che il futuro lo facciano le aziende e il grado di conoscenza degli utenti.Ultimamente molte aziende stanno supportando Gnu/Linux vedi Dell,Intel,Nvidia,Ati,ecc.Questo fa si che il passaggio da una piattaforma ad un altra non sia così doloroso.D’altra parte nei negozi vedo sempre Windows preinstallato.

    9. luce dice:

      Scusate ad un privato cosa consigliate? Io pensavo ad un macbook….perchè è piu sicuro,pu veloce, meno virus…poi si possono usare i due sistemi opeativi. Cosa ne pensate?

    10. ercole dice:

      Ottima idea. Ha solo qualche limite nella grafica per i giochi perchè non ha scheda grafica separata (il macbook pro sì), però è valido ed è pure personalizzabile, almeno in parte. Per dettagli il sito apple: http://www.apple.com/chatterbox/europe/2008/02/macbookandproclonestore/version2/it/index_it.html

    11. Alessandro dice:

      Secondo me è sbagliato dire che costa troppo perchè una parte del sistema oparetivo è gratuito e poi c’è anche da evidenziare che a differenza di windows vista ci sono solamente 2 versioni. La versione copleta per la famiglia da 129 € ,dove hai tutte le applicazioni di base installate, e quella server da 529 €.Al contrario per vista ci sono più versioni e con quella base da 99 € non ci puoi fare niente.E poi diciamolo MICROSOFT ha voluto COPIARE APPLE ma non ci è affatto riuscita!!!!Vista è lentissimo!!!!

    12. Io dice:

      Io volevo prendere un pc, per me. Lo userei per navigare in internet e lavorare in futuro. Io prenderei Linux.Mi piace, è vero che non prende virus? Io ho l’ubuntu su una partizione, e non lo trovo complicato.

    13. SnarceZ dice:

      Sia Linux che Mac sono inattaccabili dai virus per windows in quanto sono scritti in un linguaggio completamente differente.
      Per di più i tentativi “da laboratorio” di creare virus per linux hanno creato applicativi che fanno quasi tenerezza da quando sono innocui… questo per il fatto che linux è studiato per funzionare sempre come user tranne nei momenti in cui si installano software o si fanno modifiche ai file di sistema. E dato che l’user non ha possibilità  di installare è molto difficile che un virus possa infiltrarsi nel sistema… bisogna proprio volercelo installare…

      Su Mac sinceramente non so bene come funzioni la questione dato che a quel che so è possibile installare applicazioni da user…

    14. SnarceZ dice:

      ok, mi smentisco subito…
      ho appena scritto una castroneria…
      qui però trovate un’argomentazione molto più seria ed esperta di quanto il sottoscritto potrà  mai fare….
      http://pinerolo.linux.it/slip/Virus_per_Linux,_utopia_o_solo_questione_di_tempo

    15. roby dice:

      sei un grande
      finalmente uno che scrive quello che pensa
      dico solo che sto combattendo da svariato tempo sia con linux e ultimamente con mac
      perchè ormai su windows non posso provare altro ma installare un sistema operativo e non aggiungere altro perchè riconosce già  tutto al primo colpo sicuramente da fastidio a qualcuno ammetterlo……e allora dice che linus non si pianta o che mac è perfetto su quest’ultimo paragrafo ci sarebbe da discutere mesi….

    16. Enrico dice:

      Salve a tutti, io vi posso condensare la mia esperienza (dal 1994) su stazioni di lavoro MAC e WIN: Win è diventato il computer per l’ufficio, perchè l’Office ed il sistema operativo hanno uno stesso produttore e l’utente si convince di spendere meno, dato che lo si illude di acquistare un computer con tutto l’occorrente per il funzionamento già  incluso, ad una cifra ridicola (poi scoprirà  che per la grafica la GPU va cambiata con una che costa come il computer stesso, che dopo un anno, le applicazioni nuove diranno che il processore è obsoleto… ogniuno ha le proprie esperienze illuminanti…) ma a parer mio, l’unico “pregio” è la quantità  di giochini; grafica è MAC, tanto che i medesimi programmi di grafica lavorano megli su MAC che su WIN, oltre al fatto che un WIN con le medesime prestazioni costerebbe come un’utilitaria….inoltre io il MAC lo stò usando anche per l’Office e l’OpenOffice, per accedere al server AS/400… la differenza è che faccio TUTTO quello che voglio e non ho ancra acquistato niente da aggiungere negli ultimi 3 anni… ma gioco poco…questo si…. . E Linux? Ha i pregi del MAC e di WIN, in più è totalmente modificabile, molti programmi validi (a volte graficamente semplici, ma funzionano come quelli più “belli” su MAC o WIN…) e gratuiti… pochi giochi, è vero, ma anche se non giocherete in ufficio, il direttore non se la prenderà ..! Inoltre a parità  di macchina, Linux è MOLTO più veloce e fa rinascere i computer che “perdono colpi”… senza spese ulteriori…

    17. Sammimo dice:

      Ciao a tutti, come sempre la leggendaria lotta Win/MAC/Linux da vita a discussione. Io non metto in dubbio il design dei MAC (anche a me piace molto), la velocità  e leggerezze di Linux (anche se bisogna smanettare), ma i problemi che impediscono la leadership assoluta secondo me sono 2:
      Per prima cosa la compatibilità  software e hardware con il resto del mondo, io lavoro in una azienda dove utilizziamo pesantemente il pacchetto Office e Autocad… sapete quante volte io stesso ho provato a elaborare fogli excel con openoffice per sentirmi dire che non riuscivano più a stamparlo o che i grafici non stavano più su una pagina… provate voi a trovare un software certificato per le prove di rumore che si interfaccia con i fonometri Bruel&Kaier… in windows ne trovi a tonnllate… Chi programma in Labview per MAC ha problemi in Windows e viceversa…
      Secondo, la reperibilità  e il supporto dei software… in una azienda non si usa solo il pacchetto Office ma una quantità  infinita di software… dal sistema di acquisizione ai software per il controllo automatico… beh io ho provato a proiettare tutta la mia azienda in un ideale mondo MAC o Linux e non ho trovato soluzioni alternative… Quindi si può fare il SO più stabile e veloce del mondo… ma alla fine è solo il 30% del lavoro… certo se tutti di colpo si mettesero a programmare solo per MAC e a produrre Hardware solo per MAC… sono io il primo a comprare un MAC anche se costa 100 volte di più!!! stessa cosa con Linux
      PS
      Regalato Creative ZEN a mia moglie… collego al pc fatto… collego al MAC di suo fratello (che gli ho comprato io)… nisba!!! è pure è Creative…

      Ciao a tutti e Auguri di buon anno

    18. Diego dice:

      CIao, io ho 15 anni e sono stato, volente o nolente, utente windows fino a un paio di anni fa. Ho un computer (che dovrei cambiare) con processore 1.5GHz e 256MB di ram. Avevo xp e quando era appena installato girava bene e fluido, ma installati una decina di programmi iniziava a rallentare maledettamente. Poi ho provato ad entrare nel mondo di linux. All’inizio con parecchi timori, ma poi mi sono accorto che per fare le cose di tutti i giorni è semplice tanto quanto windows, poi mai avuti problemi di virus nè rallentamenti dovuti all’eccessivo numero di applicazioni. Ubuntu è la distribuzione di linux più semplice e diffusa in assoluto. E con la varietà  di interfacce grafiche(gnome, enlightenment, kde, xfce, xmonad, etc.) può girare anche sulle vecchie macchine con 128MB di ram, senza sacrificare la bellezza estetica. Mac non lo conosco bene ma conosco i prodotti apple, tutti ben fatti, con un solo difetto: ti va bene solo se fai come vogliono loro. L’Apple hanno il monopolio del Mac(anche se da un po’ ci sono versioni di tiger e leopard che girano per i sistemi a 32bit) quindi, se hai dei soldi compra un Apple con Mac perchè hai bellezza affidabilità  ed efficienza con tanto lavoro di fior di tecnici dietro. Windows non mi va tanto a genio, l’ultimo sistema operativo a cui và  dato un merito è windows 98, per i più nuovi dal 2000 all xp, per non parlare del passofalso di vista!

      In conclusione: per un utente che usa il computer per tutti i giorni, ma non necessita di una macchina potente e vuole viaggiare in sicurezza, linux Ubuntu. Se ci si vuole dilettare con il top dei programmi grafici e si hanno soldi, Apple Mac. Se sei un patito di giochi disposto a spendere un po’ sia per il sistema sia per la macchina allora windows xp(ma ricodiamo che esistono le console di gioco, non si dovrebbe sprecare un computer e soldi per giocarci). Io cmq preferisco Ubuntu e lo consiglio. ciao a tutti.

    19. ercole dice:

      Diego, concordo per la semplicità  ed affidabilià  di Linux. Tieni presente che le varie “versioni” ormai differiscono 1) per il core Unix a cui fanno riferimento 2) per l’interfaccia grafica più o meno ben riuscita. Mac OSX in questo non fa eccezione: prova a pensarlo come un Linux con un’interfaccia particolarmente curata e sofisticata… e sempre UNIX è. In merito alle macchine: un processore da 1,5 GHz NON è un’eresia per far girare Unix e quindi Linux. Ho un iMac G4 (la “palla” per intenderci) sul quale è installato Mac OSX 10.4.11, e va benissimo (512 Mb RAM). Se vuoi andare decisamente bene con Unix, comunque, sii generoso con RAM e con spazio su disco disponibile. La RAM ti permetterà  di essere molto più veloce e di far girare molti progai in contemporanea, lo spazio su disco… in Unix TUTTO è un file – fà  un po’ tu.

    20. SnarceZ dice:

      Per smentire le teorie secondo le quali Linux sia impossibile da configurare completamente, vi sfido ad installare sabayon su di un portatile!
      alla prima installazione già  mi andava l’accelerazione 3d con il cubo di compiz fusion…
      L’unica cosa che ho dovuto cambiare (installando solamente l’apposito pacchetto) è wicd al posto di network manager di gnome perchè mi trovo meglio!

    21. Daniele dice:

      Uso Linux per quasi tutto, escluso programmazione .net per palmari con windows mobile, e mi trovo tremendamente bene.
      Windows 7 (vedendo le specifiche tecniche) ha, almeno sulla carta, buone prospettive per colmare un pochetto il divario sicurezza e prestazioni rispetto a linux e mac.
      Vedremo…..

    22. Antonio dice:

      Io ho sempre usato un PC, mai provato un MAC ma ne sono comunque innamorato (togliendo il fatto che pratico Grafica-Web). Tuttavia, consiglierei un MAC per la possibilità  di installargli Windows.

    23. Skared dice:

      Uso linux e mi sono sempre trovato bene, certo molto spesso ci sono programmi che non posso utilizzare.. una vera seccatura! Ma per il resto credo che sia il migliore.

    24. mohammed dice:

      magari mettessero tutti i sistemi operativi insieme e si otterrebbe la perfezione

    25. TecnicoInformatico883 dice:

      salve a tutti vorrei esporvi la mia opinione
      linux e più adatto per i programmatori esperti ma per un udente che non sa niente di programmazione e meglio windows semplice e se viene usato in maniera legale …. esente da virus e poi ci soni tanti programmi gratuiti anche per windows .
      in conclusione bisogna essere sinceri e non si può dire a l’utenza di passare a linux senza dirgli che e solo per programmatori
      io sono cresciuto con windows e morirò con windows ho 40 anni e non mi va di ricominciare tutto d’accapo…

      • iMM dice:

        uso da 25 anni mac per professione, per 15 vari win a casa e da quasi tre ho eliminato totalmente win per passare a linux. tutte opininioni e argomentazioni (soprattutto i primi post) veritiere e direi abbastanza oggettive, ma l’ultimo di TecnicoInformatico883 mi trova in disaccordo (visto il nickname che porti) mio padre ha 70 anni è un user standard che si è approcciato al PC da 10 se qualcosa non andava su win aveva le stesse problematiche di qualunque non esperto eppure solo in quest’ultimo anno dopo aver visto me e un paio di dritte banali-generiche è già riuscito da solo a provare ubuntu e poi preferire e installarsi da solo linuxmint… ormai cè ben poco di complicato nel fare ste cose. è la gente che è pigra, se vuoi la bici (e ti serve) pedali. se no vuol dire che non ti serve. Mia madre che a malapena su win sa accenderlo navigare e leggere facebook una volta per breve periodo gli ho messo lubuntu, DUE dritte basilari e per lei non faceva differenza (e forse manco se ne è accorta se non per i colori e icone insolite) son solo scuse…

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *