• e-Commerce: il Food & Grocery cresce

    Ecommerce, il Food&Grocery vale 812 milioni di euro

    Nel 2017 il mercato online del Food & Grocery vale 812 milioni di euro, +37% rispetto al 2016, con la crescita più alta tra quelle registrate nei principali comparti merceologici online (tutti compresi tra +6% e +27%).

    La componente principale in termini di valore acquisti è l’Alimentare, 87% del comparto,  in crescita del 39%. La componente Health&Care, legata ai prodotti acquistati sui siti dei supermercati e dei produttori incide per il restante 13%, in crescita del 26% (dati Osservatorio eCommerce B2c del Politecnico di Milano).

    Tra i prodotti più acquistati nell’Alimentare, troviamo con il 54% i “secchi” (confezionati, incluso il caffè), con il 31% di “freschi” (inclusi cibo pronto, verdura e frutta), con il 9% di bevande alcoliche (birra, vino, distillati e liquori), il 5% di analcoliche (acqua, bibite e succhi) e l’1% di surgelati.

    Le vendite da siti italiani a consumatori anche stranieri segnano +35%. L’Export digitale incide per il 7% delle vendite e rappresenta il 2% dell’Export eCommerce complessivo.

    Nel 2017, l’incidenza del Grocery sul totale acquisti Alimentare è del 34% (30% nel 2016). Acquisti in crescita del 57% rispetto al 2016.

    L’Enogastronomia si riconferma primo segmento (+13% rispetto al 2016), ma cresce ad un tasso inferiore e perde incidenza nel settore (38%, era del 46% nel 2016).

    La Ristorazione raggiunge i 201 milioni di euro (+66% rispetto al 2016): con un tasso di crescita doppio rispetto a quello medio registrato nell’Alimentare, l’incidenza del segmento passa dal 24% del 2016 al 28% del 2017.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su e-Commerce: il Food & Grocery cresce inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Ottimi risultati, è un settore che negli altri paesi già da molto tempo genera profitti. Speriamo si possa assistere al rilancio di economie locali grazie a questi nuovi strumenti con una cultura più votata al digitale.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *