• Workers buyout: l’asso nella manica delle PMI

    7gr6lh.jpgSi chiama Workers buyout (Wbo) e permette ai di acquistare un’azienda in crisi o senza eredi ai suoi stessi dipendenti.
    Questa pratica, nata nel tosco-emiliano e poi diffusasi in tutta Italia, è quanto mai attuale in questo periodo di crisi.
    I fallimenti degli ultimi tre anni hanno consolidato il fenomeno: tra il 2008 e il 2010 sono stati portati a termine 22 salvataggi, 10 nel 2011 e 2 a inizio 2012.

    La sola Coopfond (fondo mutualistico di Legacoop), ad esempio, ha erogato 7 milioni di euro per mettere in moto 26 milioni di investimenti, con un salvataggio di almeno 450 posti di lavoro.

    Casi esemplari di salvataggio



    Un esempio è l’azienda emiliana Ceramica magica, entrata in crisi nel 2006 e che adesso punta a 12 milioni di fatturato nel 2012, con la prospettiva di assumere altre 15 persone.
    I 30 dipendenti l’hanno rilevata creando una cooperativa e impegnando indennità  e TFR: distribuzione e commercializzazione sono affidate a terzi per concentrarsi sulla produzione di alta qualità  e i dirigenti si sono ridotti lo stipendio del 15% e tutti hanno accettato di legare il 20% del salario agli utili di fine anno.

    A Nola i lavoratori della Esplana Sud, quarta fabbrica in Italia per analisi e confezione di frutta e verdura, hanno messo a disposizione i TFR per rilevare l´azienda fallita: la loro cooperativa si chiama Carovana ed è uno dei primissimi tentativi Wbo nell´Italia meridionale, che punta tutte le speranze su prestiti agevolati e nel sostegno di Coop e Regione Campania.

    Requisiti



    Vediamo da vicino i requisiti principali per portare a termine l’operazione.

    La Newco

    Quando l’azienda è in crisi, i dipendenti creano la cooperativa per ottenere il sostegno dei fondi mutualistici delle centrali come Coopfond, che possono acquisire quote di capitale, per lo più di minoranza, o dare finanziamenti. L’accordo sindacale è indispensabile, ma non semplice, quando si prevedono tagli. Interviene quindi il liquidatore per l´acquisto o l´affitto dell´azienda. Infine, si richiede l’intervento di Coopfond che offre sostegno solo se la nuova impresa presenta un business plan convincente.

    Capitale di partenza

    La richiesta di mobilità  è la via più rapida e l’INPS di solito l’anticipa per 12 mesi, mentre l’uso del TFR nella Newco richiede tempi lunghi e il pronunciamento del tribunale. Per questo, molti investono anche i risparmi personali, accettando una sfida a tutto campo.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Workers buyout: l’asso nella manica delle PMI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Pingback: | Annarita Bergianti

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *