• Pensioni, lavoro e IRPEF nei piani di Governo

    Matteo Renzi

    Tante idee ma confuse. I progetti buttati sul tavolo del governo, destinati a formare la nuova Legge di Stabilità, sono già visti e rivisti nei governi precedenti. E laddove non sono proprio uguali, sembrano essere una copia di pessimo stampo. Quanto a fattibilità, poi, non ne parliamo. Siamo in pieno periodo elettorale e l’obiettivo è, come al solito, stupire, acquisire consensi, alimentare popolarità. Si riprende a parlare di pensioni e dell’introduzione dell’Ape, di tagli all’IRPEF e dell’ipotesi di ridurre a 2 le aliquote ad oggi esistenti, di imprese e di famiglie.

    => Taglio IRPEF, aliquote e scaglioni: il piano di Governo

    Dopo la promessa del bonus 80 euro ai pensionati si ritorna a parlare di pensioni, mirando ai soggetti nati tra il 1951 e il 1953. Nel 2017, stando agli obiettivi di governo, arriverà l’Ape. L’acronimo sta per Anticipo Pensione. I lavoratori che oggi hanno un’età compresa tra i 63 e i 65 anni potranno scegliere di andare in pensione purché rinuncino ad una parte di assegno in misura proporzionale agli anni di anticipo. E’ il risultato del talento creativo di Matteo Renzi: prendere di mira i lavoratori più sfigati, come li ha definiti lui, che già si sono visti allungare gli anni di permanenza al lavoro e invitarli ad accomodarsi alla porta previo abbattimento dell’assegno pensionistico.

    Pensioni 2016: le novità del sistema previdenziale

    C’è, poi, l’ipotesi di taglio alle aliquote IRPEF. L’idea è quella di limare le aliquote centrali. Ma occorrono tre miliardi. Altra possibilità è quella di ridurre gli scaglioni Irpef da 5 a 2. Idea improponibile questa, tenendo conto che un’operazione del genere costerebbe all’Erario una somma compresa tra 38 e 45 miliardi. Attualmente l’imposta sul reddito delle persone fisiche prevede l’applicazione di cinque aliquote in base a differenti scaglioni di reddito:

    • fino a 15.000 euro l’aliquota è del 23%;
    • da 15.001 a 28.000 euro l’aliquota è del 27%;
    • da 28.001 a 55.000 euro l’aliquota è del 38%;
    • da 55.001 a 75.000 euro l’aliquota è del 41%;
    • da 75.001 euro l’aliquota è del 43%.

    => Meno scaglioni IRPEF e tagli fiscali nel 2017

    Si ritorna a parlare di Jobs Act poiché nei prossimi provvedimenti si punterà ancora una volta a spingere il mercato del lavoro. Certamente è imbarazzante per Matteo Renzi riprendere nuovamente il tema sul lavoro dopo che nell’ultima Legge di Stabilità l’ha letteralmente azzoppato tagliando la decontribuzione sui contratti stabili. La proposta è la solita minestra riscaldata: taglio di 4 o 6 punti dei contributi previdenziali in capo a lavoratori e datori di lavoro.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Pensioni, lavoro e IRPEF nei piani di Governo inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. salvatore dice:

      l’irpef sulle pensione fino a 3000 euro dovrebbero esse tagliate altrimenti gli italiani in pensione se ne vanno tutti nei paesi che non fanno pagare niente perché i lavoratori anno gia pagato abbastanza.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *