• Asdi: nuovo sostegno al reddito per inoccupati

    lavoratoriIl decreto legislativo 22/2015 ha previsto una nuova forma di sostegno al reddito per tutti coloro che, dopo aver fruito dell’intera durata della Naspi ossia la nuova assicurazione sociale per l’impiego entro il 31 dicembre 2015 saranno ancora privi di occupazione e si troveranno in una condizione economica di bisogno. Per il primo anno di applicazione potranno fruire della Asdi i lavoratori appartenenti a nuclei familiari con minorenni e quelli in età prossima alla pensione.

    => Leggi anche Asdi: il nuovo assegno di disoccupazione

    Se si ha già beneficiato della Naspi ma si è ancora privi di occupazione e ci si trova in una condizione economica di bisogno è possibile ottenere la Asdi, il nuovo sostegno al reddito per gli inoccupati. La Asdi sarà erogata mensilmente per una durata massima di sei mesi e sarà pari al 75% dell’ammontare dell’ultima Naspi percepita. La corresponsione della Asdi è subordinata all’adesione ad un progetto personalizzato redatto dai competenti servizi per l’impiego contenente specifici impegni di ricerca attiva di lavoro, di partecipazione ad iniziative di orientamento e formazione e di accettazione di adeguate proposte di lavoro. L’Asdi sarà finanziato con un fondo istituito presso il Ministero del Lavoro, la cui dotazione è complessivamente pari a 200 milioni per ciascuno degli anni 2015 e 2016. La gestione dell’Asdi sarà effettuata dall’Inps che la riconoscerà in base all’ordine cronologico di presentazione delle domande. Le domande saranno soddisfatte fino a esaurimento dei fondi.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Asdi: nuovo sostegno al reddito per inoccupati inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. alessandro bongiorno dice:

      e tutti quelli che a maggio 2015 terminano l’ anspi,cosa fanno,vanno alla caritas o dai frati?

    2. leonarda dice:

      la ASDI sembrerebbe una buona cosa, ma mi chiedo se sia legata necessariamente alla NASPI o se, cosa auspicabile, si possa attribruire a chi ha finito di usufruire della “vecchia”disoccupazione già nel 2013 e che da allora ad oggi è senza alcun minimo sostegno reddituale.
      Ringrazio per l’attenzione

    3. ignazio dice:

      PERCHE OTTENERE ASDI E NON LA PENSIONE PER I MIEI CONTRIBUTI VERSATI”””’?????????.risposta….

    4. maria dice:

      CHI E’ STATO LICENZIATO NEL 2012 ED HA GIA’ USUFRUITO DELLA VECCHIA DISOCCUPAZIONE PER UN ANNO ( HA COMPIUTO 50 ANNI NEL 2012),HA DIRITTO ALLA ASDI?
      GARZIE

    5. Franca dice:

      Sono sempre disoccupata dal mese di Settembre 2014.Per 5 mesi e mezzo ho preso l’ASPI che dura mi pare 8 mesi. Dal 1 Maggio c’è NASPI con una protezione mi sembra migliore. Io che ho l’ Aspi in corso passerò alla NASPI? Dovrò fare domanda o
      il passaggio è automatico presso l’INPS? Grazie.

    6. Giulio dice:

      inoccupato significa che non ha mai svolto un lavoro a contratto etc., di conseguenza non può aver usufruito dell’aspi, correggete questa notizia non centrano nulla gli inoccupati.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *