• Incentivi, crediti e DURC: le parole delle imprese

    Parole impreseIn questi giorni in tanti hanno visto il programma di Fabio Fazio e Roberto Saviano, impegnativo come ormai come in TV e pieno di parole importanti, che per molti servono a poco se non seguite da fatti concreti ma che sono pur sempre più utili di un assordante silenzio: ognuno di noi ha una o più parole da urlare, io ne ho tre e riguardano le imprese.

    INCENTIVI
    Sono gli incentivi che mettono in moto e alimentano il complesso meccanismo dell´economia italiana.

    Occorre rilanciare le aree in crisi e scommettere sulla internazionalizzazione il processo produttivo, offrire a tutte le imprese italiane crediti di imposta per ricerca e sviluppo.

    E´ importante assicurare alle imprese una continua crescita anche tramite l´istituzione di fondi specifici e bonus premiali per le aziende che reinvestono i propri utili.

    TASSE E CREDITI

    Presentare un decreto che autorizzi le imprese la compensazione di crediti vantati verso la Pubblica Amministrazione e debiti fiscali e tributari è quasi diventato un obbligo morale più che un bisogno fisiologico.

    Le aziende falliscono, le imprese chiudono e gli imprenditori hanno paura, compiono gesti estremi, rasentano la follia e si suicidano. Da una parte vantano crediti dalle Pubbliche Amministrazioni mentre dall´altra ricevono inviti sempre più pressanti per chiudere le loro posizioni debitorie con le medesime Amministrazioni di cui sono creditori.

    La Pubblica Amministrazione paga i propri fornitori con ritardi inaccettabili e questo è noto a tutti. Così facendo, però, espone le imprese a seri rischi e crea enormi falle all´interno del processo produttivo.

    DURC

    L´obbligo di presentare il Documento Unico di Regolarità  Contributiva non è una soluzione sbagliata. Forse, però, il DURC non dovrebbe essere soltanto positivo o negativo, regolare o irregolare, ma dovrebbe contenere anche una serie di sfumature che determinano il grado di insolvenza dell´impresa.

    La soluzione sarebbe quella di associare al DURC un rating: quelli più alti permetterebbero alle imprese di partecipare alle gare di appalto e incassare le fatture del contratto a condizione che si impegnino a saldare nel breve termine il loro debito con gli istituti previdenziali.

    I rating più bassi, invece, denoterebbero una irregolarità  sistematica. In tal caso le imprese sarebbero punite con l’esclusione da pubblici appalti e saldo delle spettanze fino a a dopo aver saldato la loro posizione.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Incentivi, crediti e DURC: le parole delle imprese inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. taddeo dice:

      E’ assolutamente necessario che venga fatta una legge tale che la casa in cui il contribuente abita con la propria famiglia,non possa essere pignorata o ipotecata da Equitalia. Il piccolo imprenditore risponde in proprio ai debiti dell’azienda(Ditta Individuale)ed Equitalia non può mettere fuori di casa coniugi,anziani,bambini solo perchè il proprietario capofamiglia si trova temporaneamente in difficoltà 
      economiche.I veri evasori sono ben altri!Questa soluzione va assolutamente considerata !

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *